Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Istruzioni per l'uso (le parole di ieri)

Dieci anni fa – novembre 2000
Confesso di far parte della categoria di coloro che leggono velocemente le istruzioni per l’uso di oggetti che servono per la casa o per il lavoro. La poca pazienza, in questo tipo di lettura, produce l’incapacità a risolvere un normale guasto o un imprevisto del computer piuttosto che del forno a microonde. Saper manovrare una macchina, conoscendone i segreti, favorisce la veloce soluzione dei problemi, permette di dare una mano a chi è in difficoltà oppure potrebbe rendere talmente furbi … da imbrogliare il prossimo. Un amico, tecnico nella riparazione di computer, mi ricordava, qualche sera fa, che saper cliccare in modo corretto farebbe risparmiare la spesa della sua uscita ma, diceva lui, “la gente, che non legge le istruzioni per l’uso, mi paga lo stipendio!“.

In fondo il tempo occupato per imparare “come funziona”, è tempo guadagnato nel momento del bisogno. Tutto questo lo so bene, eppure continuo a guardare come fanno gli altri o a chiedere: “Come si fa?”. E’ una grande regola di vita quella che ci porta a conoscere le cose, le persone, gli avvenimenti. Sapere come funziona la macchina dell’uomo, quali sono le caratteristiche della sua psicologia, quali i meccanismi della sua spiritualità, libera, da tante paure e, in caso di guasto, ci fa ritrovare la soluzione dei problemi. Non esiste un libretto scritto, se si intende quel testo che dovrebbe dare la cicogna alla nascita di un bambino. Però conosciamo noi stessi guardando cosa dicono e come si comportano gli altri. Conosciamo la macchina dell’uomo riflettendo a quello che facciamo, imparando a verificare quello che succede. Importante è il ricordo e le esperienza che ci hanno segnato. Conosciamo l’uomo cercando anche di rubare i segreti del Creatore come suggerisce la religione. Ecco perché, si può dire che il libretto per l’istruzione lo possediamo.

Il problema poi è … leggerlo. Se devo stare a quello che mi succede con i vari elettrodomestici, non posso parlare troppo né giudicare gli altri, ma dovrò portare altrettanta pazienza nei confronti di chi non “legge il libretto della vita”. Posso solo continuare a dare istruzioni, spiegare cose che sono inerenti all’esistenza, posso aiutare a leggere quello che avviene nelle relazioni con gli altri e quello che poi succede in noi. Posso radunare le persone perché alcune valori si comprendano insieme. Posso infine curare e favorire le condizioni ideali perché si faccia tutto questo.

Purtroppo non posso pretendere che si vinca la pigrizia, quella che lascia tutto fermo e ci rende incapaci di aprire il libro della parola di Dio, il libro aperto della nostra coscienza o del nostro cuore. Quanto potremmo risparmiare se sapessimo … Quanto potremmo essere più liberi se imparassimo a guardare dentro le cose! Quanto potremmo essere divini se avessimo la pazienza di entrare nel cuore di Dio! Ricordiamoci almeno che esistono molti libretti delle istruzioni, che magari sono stati messi in fondo ai nostri cassetti e che renderebbero più semplice la nostra vita. Ecco perché … “Reverendo legga le istruzioni, mi raccomando“.

Don Norberto

Dieci anni dopo – novembre 2011
Sorrido ancora rileggendo pensieri sepolti da tanto tempo e che rimangono attuali perché, il passare del tempo, non ha contribuito a cambiare le abitudine; pertanto, dal punto di vista pratico, i libretti delle istruzioni … sono sempre là. Mentre invidio la pazienza e la bravura per esempio di don Marco, confesso ancora che (usando un linguaggio scolastico) “non mi applico”.

Al di là di questo , ringrazio il buon Dio per avermi dato molte occasioni per leggere meglio quel meccanismo misterioso che è il cuore dell’uomo e quella  vita dello Spirito che in esso scorre. Sono questi i temi che mi interessano  di più, imparando da un libro o imparando da ciò che una persona mi confida.
I meccanismi umani sono misteriosi e tutte le scienze (come la psicologia per esempio), ne cercano le chiavi. Se poi riconosciamo che nell’uomo esiste un principio divino che la Bibbia indica come “soffio”, il mistero si fa ancora più fitto proprio perché si aggiunge una componente divina difficilmente verificabile.  

Mi colpiscono quanti sono avanti in questa ricerca: “Uomini e donne dello Spirito” che attraverso i loro scritti sondano il misteri dell’uomo e del divino. Potrei citare santa Tersa d’Avila o santa Teresina  tra coloro che sono vissuti molti anni prima di noi. Ci sono poi personaggi che arrivano all’improvviso e che, in un certo senso, devi conoscere. E’ successo qualche anno fa per il curato d’Ars: trovai l’occasione per stare qualche giorno da solo in quel piccolo villaggio ma ricco di spiritualità. Ora san Francesco di Sales mi è rimbalzato davanti con la sua personalità e la sua figura.  Già di lui avevo letto vita e scritti ma è come se ci fosse un richiamo per andare verso le sue reliquie. Credo che arriverà il tempo per incontralo (in termini spirituali) facendomi pellegrino ad Annecy, Ginevra  e nei luoghi della Savoia dove è vissuto. E chissà quali altri uomini e donne mi verranno ancora incontro  per parlarmi! Sono un po’ loro quei libretti di istruzione utili per poter conoscere meglio la propria interiorità o quella nascosta  negli altri: con tutto il rispetto … per i santi!

Don Norberto

Tagged under: