Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Le profezie adempiute (3ª di Avvento)

L’uomo, secondo la Scrittura, non si riconosce per ciò che pensa o ciò che dice, ma per ciò che fa; e l’uomo secondo il Signore non é l’uomo perfetto secondo il mondo, ma quello che “vede” ed agisce di conseguenza. La Scrittura sa che solo dalla consapevolezza nasce l’adesione e l’azione; per questo ci richiama costantemente a “vedere”, a riconoscere ciò che Dio fa …

Occorre “vedere” per comprendere; per questo occorre “alzare lo sguardo” da noi, prendere le distanze dal nostro modo di vedere le cose e fare spazio al modo di vedere le cose da parte di Dio. Solo da qui può venire il riconoscimento per l’agire di Dio, che diventa occasione per noi di essere “dinanzi a Dio il profumo di Cristo”.

Le Scritture ci testimoniano la fedeltà del Signore: sta a noi “scrutarle” e comprenderle, perché “Le parole di Dio si son fatte simili al parlare dell’uomo” (DV. 13).

Non ci vuole molto a cogliere la distanza fra la realtà in cui viviamo e il progetto di Dio sull’uomo e sul mondo: esserne consapevoli ci aiuta a cogliere i segni con cui il Signore ci testimonia che “egli viene”.

La citazione: “Dei Verbum” (costituzione dogmatica del Concilio Vaticano II), n. 13

La «condiscendenza» della Sapienza divina
Nella sacra Scrittura dunque, restando sempre intatta la verità e la santità di Dio, si manifesta l’ammirabile condiscendenza della eterna Sapienza, «affinché possiamo apprendere l’ineffabile benignità di Dio e a qual punto egli, sollecito e provvido nei riguardi della nostra natura, abbia adattato il suo parlare». Le parole di Dio infatti, espresse con lingue umane, si son fatte simili al parlare dell’uomo, come già il Verbo dell’eterno Padre, avendo assunto le debolezze dell’umana natura, si fece simile all’uomo.

Domenica 3.a di Avvento – 26-27 novembre – “Le profezie adempiute”
1.a lettura Isaia 51, 1-6: Alzate i vostri occhi
2.a lettura 2ª lettera ai Corinzi 2, 14-16a: Noi siamo dinanzi a Dio il profumo di Cristo
Vangelo Giovanni 5, 33-39: le Scritture danno testimonianza di me