Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Il precursore (5ª di Avvento)

Essere “pre-cursori” non é facile: richiede capacità di ascolto e di discernimento, convinzione e dedizione, speranza e attesa, iniziativa e fiducia, coerenza e sacrificio … I “pre-cursori” hanno tratti nuovi, guardano avanti, ci aprono al futuro, ma vengono dal passato: proprio come Giovanni il Battista. Non sono uomini di successo ma abbiamo bisogno di loro per capire ciò che abbiamo dimenticato e correre verso il “nuovo”.

La liturgia di questa domenica riprende il tema di domenica scorsa (La venuta del Messia) e ci presenta la bellezza del progetto di Dio, il ruolo del Messia (l’unico sacerdote e il solo intermediario fra Dio e l’uomo, secondo la lettera agli Ebrei) e la consapevolezza di Giovanni, che “vede” questa realtà e se ne fa “voce”.

Anche a noi, oggi, é chiesto di “vedere” e “annunciare”: con lo stile di Giovanni, che non cerca riconoscimenti, gloria, potere … La novità non viene dal futuro, ma dal passato, da chi “legge” e “comprende”; é questa la testimonianza che ci porta Giovanni e che può diventare un percorso su cui camminare, anche oggi, per essere “pre-cursori”, capaci di vedere oltre le apparenze e le finzioni dell’uomo e del mondo, per “spingere la notte più in là” ed “annunciare l’aurora”.

La citazione: “Dei Verbum” (costituzione dogmatica del Concilio Vaticano II), n. 4

Cristo completa la Rivelazione
4. Dopo aver a più riprese e in più modi, parlato per mezzo dei profeti, Dio «alla fine, nei giorni nostri, ha parlato a noi per mezzo del Figlio» (Eb 1,1-2). Mandò infatti suo Figlio, cioè il Verbo eterno, che illumina tutti gli uomini, affinché dimorasse tra gli uomini e spiegasse loro i segreti di Dio (cfr. Gv 1,1-18). Gesù Cristo dunque, Verbo fatto carne, mandato come «uomo agli uomini», «parla le parole di Dio» (Gv 3,34) e porta a compimento l’opera di salvezza affidatagli dal Padre (cfr. Gv 5,36; 17,4).

Domenica 5.a di Avvento – 10-11 dicembre – “Il precursore”
1.a lettura Isaia 11, 1-10: la conoscenza del Signore riempirà la terra
2.a lettura Ebrei 7,14-17 22 25: Gesù é diventato garante di un’alleanza migliore
Vangelo Giovanni 1, 19-27a 15c 27b-28: Io sono voce