Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Incarnazione di nostro Signore Gesù Cristo (Natale)

I potenti hanno sempre abitato la storia: tendono ad imporre il loro “punto di vista” e non accettano di guardare qualsiasi cosa da un altro “punto di vista” … A costoro non interessa neanche il “punto di vista” di Dio, che invece sceglie di “farsi uomo”, di “venire ad abitare in mezzo a noi”, di essere “Emmanuele” (= Dio con noi).
Oggi non vogliamo guardare ai potenti dei nostri giorni, vogliamo dismettere i panni di chi non riconosce il “punto di vista” degli altri e far posto al “punto di vista” di Dio.

L’incarnazione di Gesù, il suo farsi “uomo”, non possono essere ignorati o liquidati come una notizia del passato: lo “stile” di Dio, oggi come allora, rimane invariato. Così il suo annuncio, la comunicazione della sua gioia, va in primo luogo ai pastori, agli esclusi di ieri e di oggi, ai lontani di sempre, ai “poveri del Signore” … e ci ricorda che Dio “vede” la storia dal “punto di vista” dei poveri, degli smarriti, dei lontani e ci invita a costruire una realtà che faccia nostro il suo “punto di vista”.

Il “punto di vista” di Dio é “perdente” secondo la logica dei potenti e del mondo; ma l’ “uomo” che Dio rivela al mondo nel suo “figlio” ci dicono che il suo “punto di vista” va oltre, guarda alla “comunione” con Dio come orizzonte a cui siamo chiamati. E questa realtà ci rende uomini diversi, uomini secondo il “cuore” di Dio, uomini “nuovi”.

Con questo sguardo accogliamo la scelta di Dio di farsi “uomo” e siamo sollecitati a “farci prossimo” nei confronti degli altri, a sostenerci l’un l’altro nel cammino dei giorni.

Crediamo che sia ancora “attuale” guardare al domani dal “punto di vista” di Dio: non garantisce i potenti, ma é fonte di gioia e di pace per quanti lo accolgono e sono disposti a seguirlo.

Buon Natale quindi, a noi e al mondo intero, a quanti sono nella gioia e a quanti sono nel dolore, perché Dio é venuto ad “abitare in mezzo a noi” e continua a farlo.