Loading…

Saluto di Don Norberto

Appuntamenti per salutare il Parrocco

Programma

Festa di Morosolo 2019

dal 3 al 9 settembre 2019

Programma

Settimana di Oratorio

Al rientro dalle vacanze... prima di andare a scuola... ci troviamo una settimana all’oratorio - 2/6 settembre 2019

Volantino

Orario estivo S. Messe

da sabato 13 luglio a domenica 25 agosto 2019

Orari
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

“Ricominciare” (Penultima domenica dopo l’Epifania, detta “della divina clemenza”)

E’ bello osservare il comportamento che Gesù ha nei confronti delle persone e delle situazioni della vita: occorre però fermarci un attimo … per comprendere la distanza fra ciò che noi pensiamo “sia bene” e ciò che fa Gesù. Se da un lato Egli non si compiace di chi “sbaglia” dall’altro Egli non si riconosce nelle “apparenze” delle persone “perbene”.

Così Egli svela, alle persone “perbene” e ai “peccatori”, che la via é un altra: e in questa via c’é sempre posto per la “misericordia” di Dio. Occorre riprendere familiarità con questo linguaggio, che ci richiama a temi del passato e svela la distanza che abbiamo messo, anche nei nostri “luoghi comuni”, fra il progetto di Dio e quanto fa comodo a noi, al modo di pensare nostro e della società in cui viviamo.

La “misericordia” di Dio offre a tutti la possibilità di “cambiare”, di “ripartire”: l’unica condizione che é chiesta, alle persone “perbene” e ai “peccatori”, é quella di spostare la nostra attenzione su di Lui, ovvero di “distogliere lo sguardo” da quello che abbiamo messo al centro del nostro vivere (successo, denaro, potere) per “accorgersi” che “altro” é ciò che vale … ed é alla portata di tutti, é “mio fratello”, é “Dio con noi”.

Il volto concreto delle persone con cui viviamo é li, accanto a noi, e ce lo conferma: “ricominciare” é così una strada offerta a tutti … e non importa molto sapere che cosa si lascia se si conosce che cosa si può trovare.

Domenica Penultima domenica dopo l’Epifania, detta “della divina clemenza” – 11/12 febbraio
1.a lettura Osea 6, 1-6: Voglio l’amore e non il sacrificio, la conoscenza di Dio più degli olocausti
2.a lettura Gàlati 2, 19 – 3, 7: figli di Abramo sono quelli che vengono dalla fede
Vangelo Luca 7, 36-50: La tua fede ti ha salvata: va’ in pace