Loading…

Rosario di Maggio

Recita del S. Rosario - ore 20.45

Terza settimana Morosolo

CHIUSURA MESE DI MAGGIO

CAMMINO serale AL SACRO MONTE con i “giovani” - venerdì 25 maggio

Programma

Festa del Corpus Domini 2018

30 e 31 maggio 2018

Programma

Pellegrinaggio Sotto il Monte e Madonna del Bosco

Presenza delle reliquie di San Giovanni XXIII (Papa Giovanni) nel suo paese natale - 6 giugno 2018

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

È Pasqua (domenica "in albis depositis", 2ª di Pasqua)

La liturgia ambrosiana, con la recente revisione del calendario liturgico, ha reintrodotto questa importante sottolineatura della Tradizione, che rimette il “Battesimo” al centro della vita del credente. E’ questo sacramento che stabilisce il reciproco legame fra Dio e l’uomo ed é questo il sacramento che anticipa, e porta in sé, tutti gli altri doni.

[Nota: in questa domenica, seconda la Tradizione, gli “eletti”, che hanno ricevuto il Battesimo nella Veglia pasquale ed hanno portato la veste “bianca” (=alba) per tutta la settimana, cessano di indossarla (e di essere facilmente riconosciuti) ed assumono la veste di tutti i giorni.]

Si comprende allora l’importanza che l’evangelista Giovanni attribuisce ai “segni”: quando si “rinasce dall’acqua e dallo Spirito” ogni fatto della vita scrive un “segno” … “perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome”.

I “segni” del risorto, con la Pasqua, non sono più in ciò che fa Gesù ma risiedono in coloro che lo hanno incontrato ed hanno incrociato la loro vita con quella del “Figlio di Dio”. La Pasqua è quindi invito a riscoprire il nostro “Battesimo”, a “ricordare” ciò che ci fa vibrare nell’incontro con Dio, a cercare di essere ciò che siamo diventati attraverso il “Battesimo” (cioè figli), a riconoscere i “segni” del risorto, che continua a guidare le sorti della storia.

Il cammino riprende: la morte non ha avuto, e non avrà, il sopravvento. Ma sta a noi testimoniare che la vita è più forte della morte.
Ancora, e fino a Pentecoste: buona Pasqua.

Domenica Domenica “in albis depositis” – 2.a di Pasqua – 14/15 aprile
1.a lettura Atti degli Apostoli 4, 8 – 24a: Noi non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato.
2.a lettura Colossesi 2, 8 – 15: Voi partecipate della pienezza di Lui.
Vangelo Giovanni 20, 19 – 31: Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi.