Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Vivere in relazione (Santissima Trinità – 1ª domenica dopo Pentecoste)

Se l’uomo è “immagine di Dio” la festa di oggi conferma a tutti che le sue radici sono nella “comunione” e nella “relazione” con l’Altro, con Dio e con tutti quelli che ci stanno “di fronte”.

Questa dimensione fondamentale dell’uomo e del credente collide un po’ con una visione del mondo e della fede che, al contrario, desidera affermare l’ “io” come criterio di riferimento per tutto. Riconoscere la Trinità di Dio e la nostra somiglianza con Dio ci aiuta a comprendere che la vita passa dalla “comunione” e dalla “relazione”; ci orienta così a riconoscere e a distinguere ciò che avvicina, ciò che si fa incontro, ciò che si fa comprensione, riconoscimento, identità … da ciò che è distanza, allontanamento, rifiuto, pregiudizio, separazione.

La festa di oggi ci dice che la “relazione” non è “identità” e che essa genera “comunione” (che non è fare le stesse cose). Abbiamo bisogno tutti di riscoprire la “verità” di questa realtà: siamo invece tentati di credere che la comunione si manifesti nel fare tutti le stesse cose e che essa nasca dall’essere identici … e ci dimentichiamo dell’aspetto principale, che è quello della “relazione”.

E’ dalla “relazione” con Dio e con l’Altro che nasce il “cammino”, la conoscenza; il rapporto si fa strada e genera “comunione”, soprattutto quando è sincero ed è orientato al bene dell’Altro. La Trinità, col suo esempio, di cui siamo “immagine”, ci sta davanti e ci conferma che è ancora questa, oggi, la strada su cui camminare.

Dio non si è stancato dell’uomo e della “relazione” con noi; anzi, ha posto Gesù come segno inequivocabile del suo amore. Sta quindi a noi riconoscerci in questo cammino e riprendere la strada della “relazione”, senza sottrarsi alla fatica e alla ricerca di nuovi percorsi e con la consapevolezza di avere un “Paraclito” (=colui che sta dalla nostra parte, perché mandato vicino) che ci sostiene e ci mette in “comunione”, con Dio e fra noi.

Buon cammino, in questo tempo “dopo Pentecoste”, che ci accompagna fino alla festa del martirio di Giovanni il battista.

Domenica Santissima Trinità – 1ª domenica dopo Pentecoste – 2/3 giugno
1.a lettura Esodo 33, 18 – 23 e 34, 5 – 7a: Mosé disse al Signore: «Mostrami la tua gloria».
2.a lettura Romani 8, 1 – 9b: Camminiamo non secondo la carne ma secondo lo Spirito.
Vangelo Giovanni 15, 24 – 27: Anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio.