Loading…

Incontro con Padre Alsabagh

Parrocchia di Masnago - 25 giugno 2018

locandina

Festa patronale di Luvinate

dal 25 giugno al 2 luglio 2018

Programma

MONTE TRE CROCI

Pellegrinaggio e S. Messa - Sabato 30 giugno - partenza ore 8.00

locandina

Siamo nati e non moriremo mai più

Spettacolo - 27 giugno 2018 - h. 21:00 - Chiesa di Luvinate

locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Vivere da giusti (4ª domenica dopo Pentecoste)

L’amore per la “giustizia” attraversa tutta la Scrittura e diventa un criterio fondamentale per il credente: così essere e vivere da “giusti” non é semplicemente “comportarsi secondo le regole” o “rispettare la legge” … ma “vedere e agire” in sintonia col modo di “vedere e agire” di Dio.

Siamo abituati a osservare i comportamenti degli uomini e a valutare le loro azioni, ma difficilmente ci interessano le loro motivazioni: riteniamo importante ciò che si fa e secondario il perché … Così le azioni si equivalgono e siamo tutti uguali: l’importante è ciò che si vede, non ciò che lo sostiene …

La Parola di questa settimana ci aiuta così a comprendere che essere “giusti” non deriva da ciò che si fà, ma da quello che siamo e da quello in cui ci riconosciamo; vivere da “giusti” non è frutto di una situazione casuale, ma frutto di una “scelta”: quella di chi ha fatto suo il modo di “vedere e agire” di Dio.

Viviamo tempi in cui la “furbizia” sembra prevalere: non è più importante quello che ci sta dietro, ma ciò che si vuol far sembrare che sia … Abbiamo così l’occasione di riscoprire i gesti semplici che nascono dal cuore, le scelte della vita che nascono da motivazioni profonde, le azioni di ogni giorno che chiedono di essere “fatte bene” semplicemente perché “sono giuste” … anche se non sono di moda, anche se non approfittano delle situazioni.

Accogliamo quindi l’invito del Signore ad essere “giusti”! E’ una caratteristica fondamentale dell’essere uomini e dell’essere credenti; ci consente di essere “liberi” (nel pensare e nell’agire) e di testimoniare ciò che crediamo, nelle scelte piccole e grandi di ogni giorno.

Domenica 4ª domenica dopo Pentecoste – 23/24 giugno
1.a lettura Genesi 18, 17-21; 19, 1 + 12-13 + 15 + 23-29: Dio si ricordò di Abramo e fece sfuggire Lot alla catastrofe.
2.a lettura Corinzi 6, 9 – 12: Gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio.
Vangelo Matteo 22, 1 – 14: Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio.