Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Vivere la festa (nel tempio) (10ª domenica dopo Pentecoste)

Il “tempio” è, semplicemente, “la casa della divinità”, il luogo in cui dio (qualsiasi dio) è presente: occorre partire da qui per comprendere il senso della presenza del Signore e il senso della “festa” cristiana.

La storia della salvezza ci mostra come il “tempio”, da semplice “luogo” della presenza di Dio è diventato “persona” (in Gesù Cristo): così “entrare nel tempio” non è più un gesto di omaggio o di attenzione al divino (e a Dio in particolare) ma è “entrare in comunione” con la vita del Figlio di Dio, Gesù Cristo e cantare la gloria di Dio.

Questa nuova realtà cambia il senso della “festa” e mostra la falsità di gesti e azioni che hanno motivazioni diverse: la grande festa per l’inaugurazione del tempio di Salomone (prima lettura), in cui é fondamentale l’opera degli uomini, cede il posto all’azione di Dio (seconda lettura) che fa di noi “il tempio del Dio vivente”; e diventa chiaro (vangelo) che questa novità rende assurde pratiche e intenzioni che non hanno niente a che vedere col progetto di Dio.

La “festa”, così, si fa “cristiana” e mette al centro non l’azione dell’uomo ma l’azione di Dio; si fa riconoscimento del suo agire, lettura della sua presenza e motivo di “gioia”. Quando le nostre feste entrano in sintonia con il progetto di Dio diventa evidente a tutti che cosa è buono e giusto e cosa non lo é; diventa subito evidente che cosa é giustizia e cosa non lo é; che cosa é luce e che cosa é tenebra.

Che il Signore ci aiuti quindi sempre a far “festa” e ad essere “figli della luce”.

Domenica 10ª domenica dopo Pentecoste – 4/5 agosto
1.a lettura 1° libro dei Re 7, 51 – 8, 14: Ho voluto costruirti una dimora eccelsa.
2.a lettura 2ª lettera ai Corinzi 6, 14 – 7, 1: Io vi accoglierò e sarò per voi un padre e voi sarete per me figli e figlie.
Vangelo Matteo 21, 12 – 16: La mia casa sarà chiamata casa di preghiera.