Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Vivere da profeta (12ª domenica dopo Pentecoste)

Si avvicina la memoria del martirio di Giovanni battista e la liturgia ci fa riflettere sul modo di vedere tipico del profeta e dell’uomo di Dio: esso va sempre oltre le apparenze, non da troppo peso al rifiuto, non si tira indietro … e crede che un giorno la “via” del Signore sarà riconosciuta da tutti.

Il “profeta” non è colui che “pre-vede” ma colui che “vede-oltre”: questa capacità non viene dall’esterno, come se qualcuno gli avesse “detto” cosa “dire”, ma dal “leggere” i fatti della storia, dal riconoscere le “tracce” del Signore e dal “trarne le conseguenze”. Per questo essere “profeti”, secondo la Scrittura, è compito di tutti i credenti e della Chiesa nel suo insieme (siamo “re”, “sacerdoti” e “profeti”); lo Spirito che abbiamo ricevuto agisce in noi e ci insegna a “leggere”, a cogliere le “tracce” e ad agire di conseguenza.

Il “profeta”, a differenza degli altri, “sa” che la “parola” di Dio è vera ed efficace: per questo non si piega alla logica del mondo ed anche se non vede trionfare giustizia e misericordia “sa” che queste prevarranno … e continua nel suo cammino.

I “fatti” del passato, che la Scrittura ci ricorda, sono lì a dimostrare la verità e l’efficacia della “parola” del Signore: “credere”, per il “profeta”, significa semplicemente “vivere” per testimoniarle e renderle manifeste a tutti, senza preoccuparsi di quello che gli altri pensano e dicono.

Abbiamo bisogno, anche oggi, di “profeti”: persone che “sanno” e “testimoniano”, che non scelgono per “sentito dire” o perché “così fan tutti”; persone che “ascoltano”, “vedono” e “fanno” secondo il Signore … e che, confrontandosi, si sostengono l’un l’altro nel comune cammino.

Domenica 12ª domenica dopo Pentecoste – 18/19 agosto
1.a lettura Geremia 25, 1 – 13: Il Signore vi ha inviato con assidua premura tutti i suoi servi, i profeti.
2.a lettura Romani 11, 25 – 32: I doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili.
Vangelo Matteo 10, 5b – 15: Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date.