Loading…

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

PADRE, LIBERACI DAL MALE.

5° CONVEGNO domenica 14 ottobre 2018: quando il male s’insinua nella famiglia

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Vivere da profeta (12ª domenica dopo Pentecoste)

Si avvicina la memoria del martirio di Giovanni battista e la liturgia ci fa riflettere sul modo di vedere tipico del profeta e dell’uomo di Dio: esso va sempre oltre le apparenze, non da troppo peso al rifiuto, non si tira indietro … e crede che un giorno la “via” del Signore sarà riconosciuta da tutti.

Il “profeta” non è colui che “pre-vede” ma colui che “vede-oltre”: questa capacità non viene dall’esterno, come se qualcuno gli avesse “detto” cosa “dire”, ma dal “leggere” i fatti della storia, dal riconoscere le “tracce” del Signore e dal “trarne le conseguenze”. Per questo essere “profeti”, secondo la Scrittura, è compito di tutti i credenti e della Chiesa nel suo insieme (siamo “re”, “sacerdoti” e “profeti”); lo Spirito che abbiamo ricevuto agisce in noi e ci insegna a “leggere”, a cogliere le “tracce” e ad agire di conseguenza.

Il “profeta”, a differenza degli altri, “sa” che la “parola” di Dio è vera ed efficace: per questo non si piega alla logica del mondo ed anche se non vede trionfare giustizia e misericordia “sa” che queste prevarranno … e continua nel suo cammino.

I “fatti” del passato, che la Scrittura ci ricorda, sono lì a dimostrare la verità e l’efficacia della “parola” del Signore: “credere”, per il “profeta”, significa semplicemente “vivere” per testimoniarle e renderle manifeste a tutti, senza preoccuparsi di quello che gli altri pensano e dicono.

Abbiamo bisogno, anche oggi, di “profeti”: persone che “sanno” e “testimoniano”, che non scelgono per “sentito dire” o perché “così fan tutti”; persone che “ascoltano”, “vedono” e “fanno” secondo il Signore … e che, confrontandosi, si sostengono l’un l’altro nel comune cammino.

Domenica 12ª domenica dopo Pentecoste – 18/19 agosto
1.a lettura Geremia 25, 1 – 13: Il Signore vi ha inviato con assidua premura tutti i suoi servi, i profeti.
2.a lettura Romani 11, 25 – 32: I doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili.
Vangelo Matteo 10, 5b – 15: Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date.