Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Riprendere il cammino (Domenica dopo il martirio di Giovanni)

Il “precursore”, con la sua testimonianza, apre gli occhi, rende evidente quello che nessuno comprendeva, scioglie le incertezze, fa luce sulle perplessità, mostra a tutti la via e ricorda a tutti la fedeltà di Dio. Ci mette così nella condizione di “riprendere il cammino” senza incertezze.

La liturgia di questa domenica offre così al credente della Chiesa ambrosiana l’occasione di mettere sullo sfondo la testimonianza di Giovanni (che non abbiamo conosciuto) e la persona di Carlo Maria Martini, che molte persone hanno avuto modo di incrociare nel loro cammino. Egli è stato, come Giovanni, “l’amico dello sposo”; lo ha accompagnato, introdotto, presentato e rappresentato presso gli uomini … ed ora ci invita a fare altrettanto.

La Scrittura, e la liturgia di oggi, cerca di scuotere il credente: siamo spesso di tentati di ritenere che tutto ciò che il Signore ci fa comprendere riguardi gli altri; che le cose cambieranno quando qualcuno (che non siamo noi) farà …

Ecco allora che il Signore ci mostra la sua fedeltà attraverso i suoi “testimoni”: Giovanni e Carlo Maria. Essa diventa motivo di esultanza per i “poveri” (cfr. la prima lettura), di “tremore” (“ho paura e tremo”) per la propria inadeguatezza … e infine di fiducia per “riprendere il cammino”: perché anche noi possiamo testimoniare “ciò che abbiamo visto e udito”.

Non basta l’esempio di chi ci ha preceduto per comprendere che anche noi siamo stati coinvolti dal Signore nel medesimo progetto. Ci occorre ancora ascoltare, comprendere, nutrirci; il Signore non manca di sostenerci e i suoi “segni” sono belli e concreti. Non ci resta che gioirne, ringraziare il Padre … e “riprendere il cammino”.

Il cammino dell’anno liturgico ambrosiano, che va dalla domenica “dopo il martirio di Giovanni” alla domenica di “Cristo re dell’universo”, «riprende l’annuncio che “è giunto fra voi il regno di Dio” e proclama i doni dello Spirito che da Dio, in Cristo e per Cristo, sono accordati alla Chiesa» (dall’introduzione del messale ambrosiano). Ci sembra utile riprendere alcune “parole” di Carlo Maria Martini.

La citazione: “Sulla tua parola” – conclusione della sua ultima lettera pastorale
“Prendi il largo”: in molti sensi e in molti modi questo invito di Gesù ci raggiunge dunque oggi. Mentre ci invita a dare ancora uno sguardo alla riva che lasciamo, ci apre gli orizzonti che ci sono davanti. Per un credente non è mai il tempo della nostalgia né tanto meno del rimpianto. È sempre l’ora della speranza, della fiducia, dell’amore. Tutto passa: l’amore resta. E questo amore ci ha parlato e ci ha raggiunto in Gesù Cristo, Parola di Dio. A lui, alla sua parola affido me e tutti voi, nella certezza che non resteremo delusi. La Madonna del Sabato santo saprà farci compagnia nel tempo della sera e nell’aurora dei giorni che verranno.
Milano, 15 agosto 2001
festa dell’Assunzione
Domenica Domenica dopo il martirio di san Giovanni, il “Precursore” – 1-2 settembre
1.a lettura Isaia 29, 13-21: i più poveri gioiranno nel Santo d’Israele
2.a lettura Ebrei 12, 18-25: vi siete accostati a Gesù, mediatore dell’alleanza nuova
Vangelo Giovanni 3, 25-36: Colui che Dio ha mandato dice le parole di Dio