Loading…

Quaresima 2018

Clicca sul pulsante per scaricare il pieghevole con le indicazioni per la Quaresima.

Foglio Quaresima

Esercizi spirituali nella vita corrente

dal 26 febbraio al 2 marzo 2018 - ore 15.30 Morosolo - ore 20.45 Barasso

Info

VERSO IL SINODO DEI GIOVANI

Terra Santa - 18/19enni e giovani - 3-10 agosto 2018

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Correre “avanti” (5ª domenica di Avvento)

Quando si guarda indietro, ai fatti e alle persone del passato, ci viene facile pensare che tutto sia stato “facile” e “naturale”, dimenticando le “scelte”, le “decisioni” e l’agire concreto che hanno determinato quei fatti e ci fanno ricordare quelle persone. La liturgia ne è talmente consapevole che pone alla nostra attenzione Giovanni (il “pre-cursore”) e Maria (la “figlia di Sion”).

Per capire il tempo in cui viviamo dobbiamo assolutamente recuperare l’atteggiamento di Giovanni e di Maria: guardare e correre “avanti”. Se è vero, come crediamo, che è il Signore che viene (e non noi che lo aspettiamo) occorre “muoversi” e “andare”; dove? “avanti”! ci indica Giovanni; cercando di comprendere e seguire la “strada” di Dio, che ci precede, che sta “davanti” (non dietro).

La “strada” indicata è quella percorsa da Gesù; non serve “attendere” per preparare la strada, ma correre “avanti”, perché “il Signore ridona la vista ai ciechi, rialza chi é caduto, ama i giusti, protegge i forestieri” … e fare altrettanto è “preparare la via del Signore”.

“Fare natale” é quindi accogliere la “strada” di Dio, che si fa “uomo”, uno di noi, e ci insegna a vivere facendo della nostra vita un dono, rischiando e correndo “avanti”; non è importante il nostro successo (“Lui deve crescere; io, invece, diminuire”) ma che “il regno venga”, perché è “salvezza” (=salute) per tutti gli uomini, a cominciare da noi.

Domenica 5ª domenica di Avvento – Il precursore – 15-16 dicembre
1.a lettura Isaia 30, 18 – 26b: Il Signore aspetta con fiducia per farvi grazia.
2.a lettura 2ª ai Corinzi 4, 1 – 6: Noi infatti non annunciamo noi stessi, ma Cristo Gesù Signore.
Vangelo Giovanni 3, 23 – 32a: Lui deve crescere; io, invece, diminuire.