Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

La prossimità di Dio (6ª domenica di Avvento)

La “notizia” che le Chiese cristiane fanno risuonare in questi giorni non riguarda il “passato” e la storia di Gesù, ma tocca il nostro “oggi”. E non è questione di regali, di bontà, di tradizioni, di consuetudini, di parentele … ma di sostanza: siamo disposti a credere che Dio si é fatto “vicino” ed ha scelto di vivere come “uno di noi” ?

Accogliere questa possibilità significa poter guardare all’esistenza, e a chi ci sta intorno, con occhi diversi: se Dio è mio fratello (é questa la relazione che Gesù stabilisce fra noi e il Padre) lo sono anche tutti gli altri uomini.

La liturgia odierna usa i tempi al presente non solo come citazione: essa ci conferma, piuttosto, che le parole “citate” sono vere anche per noi “oggi”: non solo Maria è invitata ad accogliere il Dio che si è fatto vicino, ma anche ognuno di noi. Maria è il segno che ci é dato per ricordarci che l’atteggiamento di Dio non è cambiato e che anche “oggi” continua a fare nuove tutte le cose … e domanda, umilmente, la nostra disponibilità a starci.

Dovremmo riflettere con meno banalità sul modo di Dio di esserci “vicino”; non garantisce a nessuno salute, successo e denaro (anzi!) … ma ci assicura la sua “compagnia”, il suo sostegno, il suo conforto per procedere nel cammino dei giorni … da figli del regno.

Per questo é “natale”, cioè l’inizio del “cammino”, il giorno in cui iniziare a guardare alla vita dal punto di vista di Dio … e farlo diventare nostro. Siamo invitati a fare “nostro” il “natale” di Gesù, non a ricordare un fatto di 2000 anni fà!

Domenica 6ª domenica di Avvento – Domenica dell’Incarnazione – 22-23 dicembre
1.a lettura Isaia 62, 10 – 63, 3b: Dite alla figlia di Sion: “Ecco, arriva il tuo salvatore”.
2.a lettura Filippesi 4, 4 – 9: Il Signore è vicino.
Vangelo Luca 1, 26 – 38a: Rallegrati, piena di grazia, il Signore è con te.