Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

"Gloria" (Natale del Signore)

Il canto del “gloria”, che torna a riechieggiare nella Chiesa con il giorno di Natale, non esprime solo la gioia della festa, ma soprattutto il legame che Dio stabilisce con l’uomo, scegliendo di farsi “Emmanuele” (=Dio con noi).

Così gli angeli danno “gloria” a Dio e ci invitano a fare altrettanto, perché “egli ama” gli uomini e Gesù ne é il segno concreto e tangibile. La notizia del Natale è in questo segno grande e piccolo allo stesso tempo: un bimbo che nasce. Credere che il mondo, e le nostre relazioni di uomini, possano cambiare a partire da un bimbo che nasce è il “segno” concreto che Dio ci dà per iniziare a guardare a relazioni nuove, con Dio e con coloro che ci sono vicini.

Da questo “segno”, riconosciuto, scaturisce il “gloria”: significa accogliere il progetto di Dio, renderci disponibili, auspicare che anche altri “vedano” e “colgano” il segno della stella, la novità di un Dio che porta “pace agli uomini, che egli ama”.

Il Natale non ci è dato per comprendere, per capire tutto al volo, ma per cominciare; per iniziare a conoscere chi è il Dio che si è “fatto uomo” in Gesù di Nazareth, e che coinvolge gli uomini, “che egli ama”.

Intanto cominciamo ad annotare che il Vangelo parla di uomini “che egli ama” e non di uomini “di buona volontà” (come siamo abituati a dire e cantare); nell’attesa che testi e canti si aggiornino (sic!) ci conforti il sapere che l’amore di Dio non dipende da come siamo noi; è “gratis” (=grazia) e ci apre nuovi orizzonti.

Per questo la “gloria” di Dio attraversi oggi, soprattutto, il volto dei bambini, degli anziani, di chi cerca di costruire un mondo migliore (dal carcere o attraverso il proprio lavoro), di chi va incontro agli altri con fiducia, di chi si riconosce nel tentativo di fare un “dono” della propria esistenza.

“Gloria a Dio” e buon Natale.

Festa Natale di nostro Signor Gesù Cristo – 24-25 dicembre
1.a lettura Isaia 8, 23b – 9, 6a: il suo nome sarà: Consigliere mirabile, Dio potente, Padre per sempre, Principe della pace.
2.a lettura Ebrei 1, 1 – 8a: Ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha stabilito erede di tutte le cose e mediante il quale ha fatto anche il mondo.
Vangelo Luca 2, 1 – 14: Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama.