Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Il “verbo” (domenica nell’ottava del Natale)

Nella domenica che segue il Natale la liturgia ci mette subito davanti la centralità del “verbo”, che, secondo l’evangelista Giovanni, è la “parola” definitiva con cui Dio si fa conoscere a tutti.

Chi ha celebrato il Natale è così invitato a riconoscere nel “bambinello” (caro alla tradizione cristiana) il “verbo” che si è “fatto carne e venne ad abitare in mezzo a noi”. Il passaggio non è da poco, perché altro é confrontarsi con un bambino (che non decide) e altro con il “figlio dell’uomo”, che attraverso le sue scelte ha rivelato all’uomo il volto di Dio e ci ha fatto conoscere il suo amore per noi.

Giovanni ci ricorda che il “verbo” “era la luce degli uomini” e il libro dei Proverbi ci ricorda che Gesù é “Sapienza di Dio”; é abbastanza facile osservare che questa “luce” e questa “sapienza” non sono tali secondo il mondo (e il modo di pensare dei nostri giorni). Non possiamo quindi ignorare quanto riporta Giovanni: “il mondo non lo ha riconosciuto”, “venne fra i suoi e suoi non lo hanno accolto” …

Che cosa significa “riconoscere” il “verbo”? che cosa significa “accogliere” la “parola”? che cosa significa “fare Natale”? occorre certamente “andare a vedere” chi è Gesù (come fanno i pastori) perché possa diventare il nostro “punto di riferimento”, il “verbo”, la “parola” messa al centro della nostra esistenza (perché orienta le nostre scelte!).

La prospettiva che ci è offerta, e che passa dall’incontro con Gesù di Nazareth, è degna di attenzione ed apre grandi orizzonti: “A quanti però l’hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio” …

Per questo ancora “Gloria a Dio”, buon Natale e buon cammino.

Festa Domenica nell’ottava del Natale del Signore – Cristo Verbo e sapienza di Dio – 29-30 dicembre
1.a lettura Proverbi 8, 22 – 31: Quando disponeva le fondamenta della terra, io ero con lui come artefice ed ero la sua delizia ogni giorno.
2.a lettura Colossesi 1, 13b e 15 – 20: Tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vita di lui.
Vangelo Giovanni 1, 1 – 14: In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio.