Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Vivere a Nazareth … (Santa famiglia di Gesù, Giuseppe e Maria)

La famiglia in cui è vissuto Gesù non è di esempio solo alle famiglie (cristiane) ma a tutti i credenti e agli uomini “retti”; essa ci insegna, infatti, il “vivere in relazione”, la scelta di assumere l’ “altro” (colui che ci sta davanti), il suo “essere felice”, come riferimento e di non vivere “per me”.

In questo “prendersi cura” dell’altro/a, sia esso fratello/sorella, straniero/a, vicino/a, lontano/a, moglie/marito, figlio/a … non è secondaria neanche la scelta di vivere a Nazareth; le “relazioni”, per essere vere e vissute, hanno bisogno anche di luoghi, di volti, di persone … da conoscere, apprezzare, incontrare, stimare.

La “vita” è un cammino e in questo cammino le persone che ci circondano e quelle che incontriamo non sono “comparse”; l’illusione che “sentire” (a telefono) e “chattare” (via “internet”) possano sostituire l’incontro non è in sintonia con la Scrittura e il “vivere” da uomini!

La famiglia di Nazareth (“santa”, ma non “sacra”, perché Dio è “santo”!) ci insegna a riscoprire il valore delle relazioni, dell’incontro, dello “stare” a Nazareth, come a Barasso, Casciago, Morosolo, Luvinate … e nei mille “piccoli” luoghi in cui viviamo.

Fare più “belli” i nostri luoghi è anche recuperare le “relazioni” con quanti li abitano, stimolarci l’un l’altro ad essere “concreti” ma anche “veri”, ad essere “franchi” ma anche “disponibili”, a “ricordare” ma anche ad “innovare”, a “custodire” ma anche ad “accogliere”. Sull’esempio di chi é stato “famiglia” in mezzo a noi, vivendo, con “semplicità” e “rettitudine”, a Nazareth.

Domenica Santa famiglia di Gesù, Giuseppe e Maria – 26/27 gennaio 
1.a lettura Siracide 44, 23 – 45,1a 2-5: La benedizione di tutti gli uomini e la sua alleanza Dio fece posare sul capo di Giacobbe.
2.a lettura Efesini 5, 33 – 6, 4: Perché tu sia felice e goda di una lunga vita sulla terra.
Vangelo Matteo 2, 19-23: Egli si alzò, prese il bambino e sua madre ed entrò nella terra d’Israele.