Loading…

Rosario di Maggio

Terza settimana Casciago - ore 20.45

Programma

Pellegrinaggio La Salette e Laus

17 e 18 giugno 2019 - iscrizioni in segreteria entro il 25 maggio

Programma

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Ultimi 4 appuntamenti, dal 2 maggio. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Oratorio Estivo 2019

dal 12 giugno al 12 luglio

Volantino

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Tu veglia su te stesso

In questi giorni mi sta aiutando un libro che affronta l’importanza dei primi concili quando i cristiani antichi si sono incontrati con il mondo pagano. Nicea, Costantinopoli, Efeso sono città essenziali per il cristianesimo su cui si è potuto appoggiare l’ultimo concilio, il Vaticano II. Le discussioni per salvaguardare la figura di Gesù vero Dio e vero uomo, della stessa sostanza del Padre; la piena umanità di Gesù, nato da Maria madre di Dio; la novità dello Spirito Santo che procede dal Padre e dal Figlio, non sono discussioni astratte per chi … ha tempo da perdere! Queste affermazioni sono essenziali  per impedire che la novità di Gesù si riduca ad alcune indicazione di vita pratica, date da una bravo maestro. Senza quelle affermazioni tutto il cristianesimo perderebbe la sua originalità, risultando inutile! Bene, mentre leggo pagine interessanti, mi imbatto nella storia di Antonio, il santo del deserto, morto a 105 nel 356, famoso per la lotta contro i demoni, grande uomo di Dio reso tale dalla vita battesimale.

Si racconta che Antonio, scrutando l’abisso dei giudizi di Dio, chiese: “Signore, come mai alcuni muoiono in giovane età, altri vecchissimi? E perché alcuni sono poveri e altri sono ricchi? E come mai degli ingiusti sono ricchi e dei giusti poveri?”.  Giunse a lui una voce che disse: “Antonio, veglia su di te. Questi giudizi spettano a Dio: non ti giova conoscerli”.

Alla luce di quello che è appena capitato nella Chiesa con la rinuncia di Benedetto XVI, il “buonasera” e il “benedite me” di Papa Francesco, credo che queste indicazioni risultino di grande attualità. Dei famosi “perché” che i bambini producono in modo industriale, eccone altri che ci possono venire: “Perché il Papa ha lasciato, perché c’è nella Chiesa la mondanità, perché il fenomeno della pedofilia, perché il potere entra nel Vaticano, perché le parrocchie sono spente, perché mancano vocazioni, perché i credenti non incidono nella politica, perché si perdono i valori, perché… la scelta di questo nuovo Papa?“.

Mi sembra bella allora l’indicazione di sant’Antonio, contenuta nella storia scritta da sant’Atanasio: “Veglia su te stesso, questi giudizi spettano a me”. Ciò non impedisce di farsi domande per capire ma apre ad un’altra modalità di comprensione nella espressione “vegliare su se stessi”. Stare attenti ai demoni che annebbiano la verità del vangelo, curare la propria persona perché è legata a Dio, vivere una precisa vita spirituale che nasce dal battesimo: sono indicazioni perché ci si lasci guidare dallo Spirito. I demoni cercheranno in tutti i modi di abbattere la presenza di Dio nel mondo, di spegnere la nostra vita spirituale, di impoverirci. Solo riportando al centro l’azione dello Spirito Santo, della Parola, dei Sacramenti, potremo vedere il Regno di Dio, la penetrazione del divino nella nostra persona umana e comprendere meglio.

Ha senso applaudire un Papa simpatico , che va in metropolitana … ma ha più senso vegliare su noi stessi impedendo al male di bloccare la vita nuova che abbiamo. Ciò significa che, davanti a grandi cambiamenti avvenuti nella Chiesa, è necessario ancora di più “vegliare su se stessi” Un modo diverso per dire che dobbiamo tutti chiamarci … “Francesco”. L’antico Antonio del deserto non era poi così antico!

don Norberto

Tagged under: