Loading…

Festa della famiglia nella settimana dell'Educazione

Dal 26 gennaio al 17 febbraio 2019

Programma

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Ricomincianti

E se fosse arrivato il momento per rivedere o mettere in ordine una fede nascosta o ferma ?? - DAL 10 GENNAIO 2019

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Nella carità (Vª di Pasqua)

Se la Pasqua ci ha stabilito nella “comunione” con Gesù ed ha avviato il cammino della nostra relazione con Dio, dalla Pasqua scaturisce uno sguardo nuovo su tutte le relazioni con gli uomini: la “carità”.

La “carità” non é in ciò che facciamo, ma nel modo in cui guardiamo, osserviamo, ascoltiamo, viviamo con coloro che, come noi, “abitano” il creato. La Parola, che la liturgia ambrosiana pone oggi a guida del nostro cammino, non mostra solo ciò che produce guardare il mondo con gli occhi di Dio, ma rivela che questo modo è “costitutivo” del nostro essere cristiani.

Se la “comunione” è un cammino che riguarda il nostro rapporto con Dio, la “carità” è l’altro cammino, che riguarda tutte le nostre relazioni con gli altri: nella Chiesa e fuori della Chiesa, con i vicini (moglie, marito, figli, …) e con i lontani (stranieri, popoli, nazioni, istituzioni, …). La nostra esistenza si esprime nelle relazioni e in tutte deve emergere la nostra capacità di guardare la realtà “nella carità”.

“La carità è magnanima, benevola è la carità; non è invidiosa, non si vanta, non si gonfia d’orgoglio, non manca di rispetto, non cerca il proprio interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell’ingiustizia ma si rallegra della verità.”

Buona Pasqua!

Domenica Vª di Pasqua – 27/28 aprile 
1.a lettura Atti degli Apostoli 4, 32 – 37: La moltitudine di coloro che erano diventati credenti aveva un cuore solo e un’anima sola e nessuno considerava sua proprietà ciò che gli apparteneva, ma fra loro tutto era comune.
2.a lettura 1ª Corinzi 12, 31 – 13, 8a: La carità non avrà mai fine.
Vangelo Giovanni 13, 31b – 35: Da questo tutti sapranno se siete miei discepoli: se avrete amore gli uni per gli altri.