Loading…

Festa di Sant'Eusebio 2018

31 luglio - 1 agosto 2018

Info

Orario estivo S. Messe

Orario estivo S. Messe festive da domenica 21 luglio 2018

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Essere “uno” (VIIª di Pasqua, dopo l’Ascensione)

L’unione fra il “cielo” e la “terra”, che si è manifestata e fatta concreta in Gesù di Nazareth é una prospettiva che ci coinvolge e che ci chiama in causa.

La Pasqua ci introduce infatti in un cammino in cui la metà è arrivare ad essere “uno” con Dio: non in virtù dei nostri sforzi o della nostre capacità, non in forza di quello che siamo e facciamo ma grazie alla “misericordia” di Dio, che va oltre gli sbagli, gli errori e le attese.

Essere “uno” è il progetto di Dio e la Pasqua ci consente di entrare nel cammino verso l’unità. Essa è il risultato e la conseguenza del “cammino”, che richiede la nostra presenza e la nostra partecipazione. Il dono che Dio ci fa, e che oggi ci conferma, è la sua presenza che sostiene il nostro cammino verso l’unità.

E il “cammino” richiede confronto, prove, intelligenza, attesa, silenzio, … tutte le nostre capacità; essere “uno” non si improvvisa, non è solo frutto di simpatia o di carattere, di predisposizione (nello stile del mondo), … ma è “relazione”.

E’ quindi bello rileggere nelle Scritture la testimonianza di Stefano, il primo martire, o le parole di Gesù ai discepoli, “prima” della passione; non vi sono scorciatoie per arrivare alla metà ed essa passa dal vivere “in pienezza” questi nostri tempi. E proprio per questo il Signore ci affida i suoi doni, a cominciare dall’Eucarestia, il “pane del camino”, per arrivare ad essere “uno” con Lui e fra noi.

Buona Pasqua!

Domenica Domenica dopo l’Ascensione – VIIª di Pasqua – 11/12 maggio 
1.a lettura Atti degli Apostoli 7, 48-57: Contemplo i cieli aperti e il figlio dell’uomo che sta alla destra di Dio.
2.a lettura Efesini 1, 17-23: Illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati.
Vangelo Giovanni 17, 1b e 20-26: Siano una cosa sola come noi siamo una sola cosa.