Loading…

... sulla Tua parola - dal 7 febbraio

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

"La Santità in Zelia e Luigi Martin": se parlassero oggi alle coppie?

Domenica 17 febbraio chiesa santa Teresa (Bustecche) ore 15.00

Locandina

LA “FEDE” DI GESU’: GESU’ AVEVA LA FEDE, ERA UN CREDENTE COME NOI?

Incontro con don Luca Castiglioni - Domenica 24 febbraio ore 16.00 oratorio di Barasso

Info

Liturgia preparata - Tempo dopo Epifania

Ciclo di sei incontri a partire da martedì 29 gennaio alle ore 21.00

Info qui

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Guardare nella stessa direzione (5ª dopo Pentecoste)

Le pagine della Scrittura ci trasmettono un modo di vedere l’uomo credente come colui che “sta davanti” a Dio, come colui che lo “conosce” e come colui che “opera” come il suo Creatore. Questo contraddice l’immagine di uomo “passivo” in cui molti identificano i credenti.

Il rapporto di Abramo con Dio (e di Dio con Abramo) non è solo indice di “fede” (come se la fede fosse un pensiero!): é “storia” di incontro, di relazione, di domande, di risposte, di “cammino”, di “sogno”. E’ la storia di chi guarda nella stessa direzione, di chi, comprendendo che Dio “vede”, “vede” come Lui, ed intercede …

Guardare nella stessa direzione: è questo un atteggiamento che non nasce dal caso, richiede un cammino, richiede reciproca conoscenza, richiede fantasia, stima, capacità di “vedere” lontano (anche ciò che non si vede). Per questo il “tale” di cui ci parla il Vangelo di Luca rimane fuori, perché non ha un cammino alle spalle … e: “non so di dove siete”.

La relazione in cui il Signore ci coinvolge non è un rapporto da sudditi, da fedeli burocrati, da commensali indifferenti, da ascoltatori passivi; é una relazione chiamata a farsi “storia”, “cammino” … è guardare nella stessa direzione, come Abramo!

L’estate ci può così aiutare a rileggere le pagine della Scrittura e a scoprire che la storia che vi è narrata non é quella di “ieri”, ma quella di oggi, la “mia storia” … come quella di Abramo!

Domenica 5ª dopo Pentecoste – 22/23 giugno 
1.a lettura Genesi 18, 1-2a 16-33: Forse il giudice di tutta la terra non praticherà la giustizia ?
2.a lettura Romani 4, 16-25: Pienamente convinto che quanto Egli aveva promesso era anche capace di portarlo a compimento.
Vangelo Luca 13, 23-29: Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!