Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Mangiare: indice di relazione, anche con Dio (4ª domenica dopo il martirio di Giovanni)

Mangiare insieme e nutrirsi l’uno della presenza dell’altro é tipico di ogni relazione profonda: essa richiede la presenza, la condivisione e la concretezza di chi si ritrova “a tavola” insieme, di chi cammina ed ha bisogno di nutrimento, di relazione e di comunione.
La concretezza del linguaggio della Parola odierna chiede al credente di essere accolta senza passare dal “segno” (il mangiare) al “simbolo” (l’altare): ci aiuta a riflettere sulla nostra relazione con Dio, prima ancora di inginocchiarci di fronte alla presenza eucaristica.

Anche a tavola la forma e il cibo possono distrarci dalla relazione con chi ci sta davanti; si commenta, si prende tempo ma non ci si ascolta e non ci si incontra! La Scrittura ne é consapevole e ci ricorda il legame, la relazione, la “comunione” col “Figlio dell’uomo”.

Occorre partire da qui, dalla “tavola” di cui il Signore ci rende “commensali” (=coloro che mangiano con, compagni di tavola) per riscoprire il valore profondo della “mensa settimanale” (la Messa) e della tavola di tutti i giorni; essa é innanzitutto un luogo concreto, fatto di persone e situazioni, in cui il Signore si fa “commensale”.

Di qui la necessità di operare con sapienza e di prenderci cura del Signore e dei “commensali” (e non solo del cibo), così da ascoltare e comprendere per fare “comunione”, per “rimanere” insieme: che il Signore ci aiuti a riscoprirne il valore, e a “celebrare” di conseguenza.

Preghiamo perché ogni uomo trovi una “tavola” in cui incontrare l’altro ed essere accolto e perché la pace si faccia strada nel cuore dell’uomo.
“Pace e bene”, come ci ricorda Francesco.

Domenica 4ª Domenica dopo il martirio di Giovanni – 21/22 settembre 
1.a lettura Proverbi 9, 1-6: “Venite, mangiate il mio pane, bevete il vino che io ho preparato”.
2.a lettura 1ª Corinzi 10, 14-21: E il pane che noi spezziamo, non é forse comunione con il corpo di Cristo?
Vangelo Giovanni 6, 51-59: Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui.