Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

La scelta della povertà (6ª domenica dopo il martirio di Giovanni)

I fatti degli ultimi giorni (la morte in mare di tanti fratelli in cerca di una vita migliore), la memoria della testimonianza di S. Francesco e la Parola di questa domenica ci confermano la “scelta” di Dio di essere “povero” … e il suo giudizio sulla storia.

Il Signore non é semplicemente colui che “guarda” il povero ed ha “misericordia”; il Dio dei cristiani ha “scelto” di farsi povero e di guardare la storia dalla parte del povero; conosce il valore di un “bicchiere di acqua fresca” e ci insegna a guardare il mondo da qui.

Le letture di questa domenica meritano di essere ascoltate, ripetute, fatte nostre, confrontate con le scelte di oggi, con le “leggi”, con le parole di tanti, con il nostro modo di pensare: cosa ci dicono queste parole? Ci arde il cuore, si apre una speranza oppure prevalgono i nostri: “dipende …”, “c’é caso e caso …”, “non sempre …”?

Occorre riflettere sulla “povertà” che Dio “sceglie”: essa non é una fra le varie possibilità offerta al credente, ma la “sola” via possibile; quella di chi ha “scelto” di non usare del potere, della forza e del denaro per incontrare l’uomo, quella di chi ha “scelto” di vivere “con” gli uomini e non “sopra” gli uomini, per testimoniare al mondo il volto “misericordioso” del Padre. E noi, potremmo fare diversamente?

La testimonianza di S. Francesco ci sia di guida in questo nuovo anno pastorale. Fare nostro il suo saluto equivale ad augurarci reciprocamente “pace e bene” ed equivale a riconoscere, soprattutto, che tutto ciò che facciamo deve essere esclusivamente orientato alla “pace” e al “bene” di tutti, come ci ha insegnato Gesù!
“Pace e bene”!

Domenica 6ª Domenica dopo il martirio di Giovanni – 5/6 ottobre 
1.a lettura 1° Re 17, 6-16: La farina della giara non venne meno e l’orcio dell’olio non diminuì, secondo la parola che il Signore aveva pronunciato per mezzo di Elia.
2.a lettura Ebrei 13, 1-8: Gesù Cristo é lo stesso ieri e oggi e per sempre.
Vangelo Matteo 10, 40-42: Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità vi dico, non perderà la sua ricompensa.