Loading…

Ripartenza celebrazioni da lunedì 18 marzo

Da leggere con cura! Nuovi orari per la ripresa delle celebrazioni delle S. Messe e nuove indicazioni per la partecipazione. Nuove modalità di accesso alla segreteria.

Info

Maggio mariano 2020

Indicazioni per il mese di Maggio

Info
  • 0
  • 1

Chiesa: annuncio del "banchetto" (2ª domenica dopo la dedicazione del duomo)

L’immagine del “banchetto” in cui il Signore intende riunire “tutti i popoli” serve, oggi, a ricordarci la prospettiva del progetto di Dio e ad indicarci la direzione verso cui orientare i nostri passi.

Si ha spesso l’impressione che la Chiesa dimentichi questo obiettivo: il “banchetto”, la “tavola” attorno alla quale ritrovarci tutti insieme, come “una sola famiglia”. Questa immagine rivela, nella sua concretezza, come la relazione con Dio cambia anche il nostro modo di vedere gli altri; se questo é l’obiettivo del Padre non possiamo sottrarci al suo invito.

L’invito al “banchetto”, secondo la Scrittura, non é però un banale invito “a mangiare con gli altri” ma passa dal riconoscerci “figli”, persone “in comunione” con Dio e di conseguenza fra noi: così l’invito ci introduce al cammino e si fa sentiero, percorso … per imparare a vedere la realtà con gli occhi di Dio, per imparare ad accogliere l’altro come “fratello” nel cammino.

Così l’invito al “banchetto” ci obbliga a chiarire e a far luce sul nostro punto di vista: a tutti piace essere invitati ma non tutti si riconoscono ed accettano relazioni basate sull’ascolto, sul dialogo, sull’incontro, sul reciproco riconoscimento, sul sostenersi l’un l’altro, sul rispetto, sul “non profitto”, sul “non vantaggio”, sul “bene dell’altro” …

Ogni credente, ogni settimana, é invitato a partecipare al “banchetto” che riunisce i figli di Dio intorno alla sua mensa: esso é segno e anticipazione del banchetto eterno. Così, mentre ci viene confermato l’amore di Dio, siamo invitati a camminare sulle sue vie e a orientare i nostri passi verso il “banchetto” eterno, “saldi nella speranza contro ogni speranza”, come il “padre” nostro Abramo.
“Pace e bene”!

Domenica 2ª domenica dopo la dedicazione del duomo della Chiesa di Milano – 2/3 novembre 
1.a lettura Isaia 25, 6-10a: “Preparerà il Signore degli eserciti per tutti i popoli, su questo monte, un banchetto di grasse vivande, un banchetto di vini eccellenti, di cibi succulenti, di vini raffinati”.
2.a lettura Romani 4, 18-25: Abramo credette, saldo nella speranza contro ogni speranza, e così divenne “padre di molti popoli”.
Vangelo Matteo 22, 1-14: “La festa di nozze é pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”.