Loading…

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

PADRE, LIBERACI DAL MALE.

5° CONVEGNO domenica 14 ottobre 2018: quando il male s’insinua nella famiglia

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

L’amico Bobin

Ho scoperto Christian Bobin per caso. Nel 2002 ricevetti in regalo da una amica un libretto dal titolo “Elogio del nulla”. Un testo di solo dodici pagine (altre dodici riportano il testo in francese e dieci sono di introduzione): quando si dice un piccolo libro! Già l’incipit suona particolare: “Illumina ciò che ami, senza toccarne l’ombra“. Apro una “puntina” per l’emozione dopo aver ascoltato  la predica di un amico prete in cui veniva citato proprio Bobin. La citazione era tratta del piccolo libro in questione e parlava di … un albero.  Seguo molto questo uomo della mia generazione e faccio volentieri conoscere ad amici ed amiche i suoi libri. Spesso si tratta di piccoli testi con pensieri, altre volte di “originali” racconti sempre pieni di poesia. Credo di essere tra coloro che hanno contribuito a farlo conoscere in Italia, con un po’ di modestia.  Non è la prima volta che faccio spazio a lui, già ho riportato un articolo che parlava di lui. I suoi testi sono pubblicati, molte volte, da editrici minori per cui difficilmente passano attraverso librerie o supermercati. E’ quel tipo di autore che incontri e di cui ti fai amico perché è colui che scrive, mettendo nero su bianco, ciò che anche tu vivi e vorresti scrivere. Cito spesso a questo proposito quella espressione facile da ricordare in cui, chiamato a definirsi come scrittore, dice: “Io non scrivo libri, taglio specchi!“. Già questo pensiero ci porta in alto! Mi permetto di proseguire altre citazioni, raccolte anni fa nel sito della precedente parrocchia (da “Resuscitare” e da “Autoritratto“) al fine di dare un piccolo saggio di come sia bello avere Bobin come amico.
Fin qui la mia firma … poi la firma di Christian Bobin!

 don Norberto

Un letto di luce, una sedia di silenzio, una tavola di speranza, null’altro: così è la stanzetta in cui vive in affitto l’anima.

In cielo c’è una stella per ciascuno di noi,
sufficientemente lontana perché i nostri errori non possono mai offuscarla.

Al momento della comunione, durante la messa di Pasqua, la gente si alzava in silenzio, raggiungeva il fondo della chiesa attraverso una corsia laterale, poi tornava a piccoli passi stretti nella corsia centrale, avanzando sino al coro dove riceveva l’ostia da un prete barbuto con gli occhiali cerchiati d’argento, aiutato da due donne con il volto indurito dall’importanza del ruolo, quel genere di donne senza età che cambiano i gladioli sull’altare prima che marciscano e si prendono cura di Dio come di un vecchio marito stanco.
Seduto in fondo alla chiesa, in attesa del mio turno per unirmi al corteo, guardavo le persone, i loro abiti, le loro schiene, le loro nuche, il profilo dei loro visi. Per un secondo mi si è aperta la vista ed è l’umanità intera, i suoi miliardi di individui, che ho scoperto avvolta in questa colata lenta e silenziosa: vecchi e adolescenti, ricchi e poveri, donne adultere e ragazzine seriose, pazzi, assassini e geni,
 tutti che raschiavano con le scarpe le lastre fredde e gibbose della chiesa, come morti che uscivano senza impazienza dalla loro notte per andare a mangiare della luce. Allora ho capito che cosa sarebbe stata la resurrezione e quale sbalorditiva calma l’avrebbe preceduta. Questa visione è durata un secondo soltanto. Il secondo successivo mi è tornata la visione consueta, quella di una festa religiosa così antica che il suo senso si è attenuato e che sussiste solo per essere vagamente associata alle prime febbri della primavera.

Alla mia nascita una fata si è chinata sulla mia culla dicendomi: “Assaporerai soltanto una parte minuscola di questa vita e in cambio la percepirai tutta”.

Una donna graziosa che non si preoccupa affatto di piacere è subito senza rivali, all’apice di ogni bellezza, proprio come le rose e le sante.

Per un anno ho reso visita a mio padre nella casa in cui, giorno dopo giorno, la sua memoria si riduceva come un velo di vapore sul vetro, al tocco del sole. Non sempre mi riconosceva e ciò non aveva importanza. Io sapevo bene che era mio padre. Lui poteva permettersi di dimenticarsene. 

A volte, fra due persone c’è un legame così profondo che continua a vivere anche quando uno dei due non riesce più a vederlo.

Ho trovato Dio nelle pozzanghere d’acqua, nel profumo del caprifoglio,
nella purezza di certi libri e persino in certi atei. Non l’ho quasi mai trovato presso coloro il cui mestiere consiste nel parlarne.

Quando si guarda frettolosamente una cosa bella – e tutte le cose vive sono belle perché portano in sé il segreto della loro prossima scomparsa – si ha voglia di prenderla per sé. Quando la si contempla con la lentezza che merita, che essa chiama e che la protegge un istante dalla sua fine, allora essa si illumina e non si ha più voglia di possederla: la gratitudine è l’unico sentimento che risponda a questa chiarezza che entra in noi.

Non sono la bellezza, la forza e la mente che amo in una persona, bensì l’intelligenza del legame che ella ha saputo stringere con la vita.
La maggior parte degli incontri che faccio non lasciano nessuna traccia nella mia memoria. Significa dunque che hanno luogo solo in apparenza.
Le nostre immagini si sono parlate, ma non i nostri cuori.

Seppellisco molti scrittori in scatoloni che poi porto in cantina: il mio cuore si semplifica simultaneamente alla mia biblioteca.

Ho tolto molte cose inutili dalla mia vita e Dio si è avvicinato per vedere che cosa accadeva.

Un libro, un vero libro non è qualcuno che ci parla,è qualcuno che ci ascolta, che sa ascoltarci.

Io non scrivo libri, taglio specchi.

Scrivere è amare di rimando.

 Christian Bobin

 

 

Tagged under: