Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Essere "aperti" (Sesta di Avvento)

Occorre guardare la storia con gli occhi e lo sguardo di Maria per comprendere l’incarnazione di Gesù, il “figlio di Dio”, e renderci disponibili ad accogliere, oggi, il suo progetto.

Maria, prima ancora di essere la mamma di Gesù, é la “figlia di Sion”, con gli occhi aperti e il cuore pronto ad accogliere; é una donna che ascolta, guarda, chiede, comprende, accetta di rivedere il suo progetto, ed accoglie, fa suo, il progetto di Dio.

A noi piace leggere la storia, anche quella della salvezza, a partire da ciò che è successo; la Scrittura, invece, porta la nostra attenzione su quello che avviene “prima”. Perché quello che succede, “dopo”, é spesso solo la conseguenza di quello che siamo e scegliamo di essere. Maria non é la donna che Dio “prende” per cambiare il mondo, ma la “figlia di Sion” che “fa suo” il progetto di Dio e che, di conseguenza, ne sperimenta tutta la concretezza.

Maria come Giovanni (“l’amico dello sposo”, secondo Gesù) e come Gesù (il “figlio dell’uomo”, sempre secondo Gesù) dice il suo “si” al Signore; quel “si” che é chiesto anche a noi, per fare “nuove” tutte le cose. Maria, come Giovanni, si rende disponibile al progetto di Dio perché accetta che Dio sia così: “uomo”, “povero”, “fratello” !!

Così Maria, prima che “madre”, é “sorella”: “sorella” di tutti coloro che attendono, che si interrogano sul futuro (personale e di tutti), di tutti quelli che sono “aperti” e “disponibili”, che sanno di dover portare il proprio “piccolo” contributo … perché “venga il tuo regno”! … perché venga la “pace” e la “misericordia”, perché venga il giorno in cui tutti saremo un solo “Popolo” e una sola “Gerusalemme”.

Così “Dio” diventa “Padre”, il “dio lontano” si fa “Emmanuele” = “Dio con noi”! E di questo dobbiamo essere grati a Maria, nostra “sorella”, la donna che ha “compreso” e ci insegna a guardare a Dio con il suo sguardo e ad esultare per le “grandi cose” che Dio compie. Si, “il Signore é vicino!”.

Domenica Domenica dell’incarnazione – Sesta domenica di Avvento – 21/22 dicembre 
1.a lettura Isaia 62, 10 – 63, 3b: Li chiameranno “Popolo santo”, “Redenti del Signore”. E tu sarai chiamata “Ricercata”, “Città non abbandonata”.
2.a lettura Filippesi 4, 4-9: Il Signore é vicino!
Vangelo Luca 1, 26-38a: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola».