Loading…

Saluto di Don Norberto

Appuntamenti per salutare il Parrocco

Programma

Orario estivo S. Messe

da sabato 13 luglio a domenica 25 agosto 2019

Orari
  • 0
  • 1

Immergersi (battesimo di Gesù)

Con la festa odierna finisce il tempo di Natale e si apre il tempo dopo l’Epifania; Gesù, ormai adulto, inizia la sua “missione” e lo fa “immergendosi” (=battesimo) nel Giordano, dove Giovanni lo “lascia fare”.

L'”immersione” di Gesù al Giordano rivela il coinvolgimento totale del figlio di Dio nelle vicende dell’uomo, anche quando determinano scelte consapevoli che non sono secondo Dio (=peccato). La predicazione di Giovanni metteva in evidenza la distanza dell’agire dell’uomo dalla volontà di Dio ed invocava un cambiamento di rotta: é bello scoprire che Gesù é fra coloro che accolgono l’invito e si “immergono” nella realtà, per cambiarla.

Così, di fronte alla decisione di Gesù di “immergersi” nella realtà, sta la condivisione di Dio, che si “compiace”: ogni decisione ha bisogno di essere sostenuta ed é bello scoprire che quando si “emerge dall’acqua” il Signore si avvicina e ci accompagna.

Immergersi nella realtà é richiesto ad ogni uomo e ad ogni credente: viviamo, invece, un tempo in cui tutti si “tirano fuori” e pensano che basti prendere le distanze dalla realtà per “essere salvi” …

Occorre “accogliere” e fare nostro lo stile di Gesù: esso ci consente di “uscire dall’acqua”, con la consapevolezza della “missione” che il Signore ci affida; Egli ci ha scelto per fare “nuove” tutte le cose e sta a noi dire il nostro “si”. La “strada” che ha scelto Gesù, e che anche noi siamo chiamati a percorrere, non prevede scorciatoie o favori, ma ci garantisce il pieno sostegno del Padre. E non é cosa da poco!

Domenica Battesimo di Gesù – Domenica dopo l’Epifania – 11/12 gennaio 
1.a lettura Isaia 55, 4-7: «Ecco, l’ho costituito testimone fra i popoli, principe e sovrano sulle nazioni».
2.a lettura Efesini 2, 13-22: Voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio.
Vangelo Matteo 3, 13-17: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento».