Loading…

Incontro con Padre Alsabagh

Parrocchia di Masnago - 25 giugno 2018

locandina

Festa patronale di Luvinate

dal 25 giugno al 2 luglio 2018

Programma

MONTE TRE CROCI

Pellegrinaggio e S. Messa - Sabato 30 giugno - partenza ore 8.00

locandina

Siamo nati e non moriremo mai più

Spettacolo - 27 giugno 2018 - h. 21:00 - Chiesa di Luvinate

locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Il senso delle cose (2ª dopo l’Epifania)

Dietro i fatti, piccoli e grandi della vita, vi sono “segni” che non tutti colgono e che, spesso, sono più importanti di quello che vediamo: rivelano, infatti, che cosa “sta dietro”, ciò che ci spinge e determina il nostro agire.

Così la liturgia di questa domenica pone alla nostra attenzione il “segno” dell’acqua cambiata in vino, alle nozze di Cana: é del tutto evidente che la mancanza del “vino” in un matrimonio non é la cosa più importante (soprattutto ai nostri occhi), ma questo “segno” dice meglio di tutti il “senso” di un cammino che inizia.

Vi sono persone, come Maria, che “vedono” le cose che non vanno; vi sono persone, come i servi, che “vedono” e “riconoscono” chi porta una soluzione “nuova”; e vi sono persone che non si accorgono di nulla …

E’ bello, allora, scoprire che Gesù non si tira indietro e ci sollecita a guardare avanti, a superare le difficoltà e a dare un senso alle cose che facciamo. Non é secondario ricordarci che il “vino”, nella Scrittura, é simbolo di gioia, di vita e di compagnia: sono queste le cose che ci mancano e che il mondo ritiene “secondarie”. Di questo si é accorta Maria (e noi?) e il Signore Gesù non si é sottratto a ciò che era venuto a fare, anche se non era la sua ora. Così, secondo i Padri della Chiesa, a Cana é iniziato il matrimonio di Dio con l’umanità.

Anche noi siamo invitati ad accorgerci e fare, per “dire” il senso delle cose con la nostra vita. Perché il “cambiamento” dell’acqua in vino riguarda noi e il nostro vivere, da uomini e da cristiani.

Domenica Seconda domenica dopo l’Epifania – 18/19 gennaio 
1.a lettura Numeri 20, 2 e 6-13: Mancava l’acqua per la comunità: ci fu un assembramento contro Mosé e contro Aronne.
2.a lettura Romani 2, 13-22: Lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza; non sappiamo infatti come pregare in modo conveniente, ma lo Spirito stesso intercede con gemiti inesprimibili.
Vangelo Giovanni 2, 1-11: Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù.