Loading…

Settimana Santa e Pasqua 2020

Indicazioni per vivere la Settimana Santa e la S. Pasqua insieme da casa

Clicca qui

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Rimettere il grembiule ("In albis depositis")

Riporre la “veste battesimale”, l’abito della festa, non é solo un rito: ogni “segno” che contraddistingue un “passaggio” deve poi lasciare il posto alla quotidianità; essa “nasce” da quel “passaggio” e si trasforma poi in “storia” che di quella novità conserva l’impronta e lo stile.

Così i credenti, con la Pasqua nel cuore, tornano ad indossare il “grembiule”, l’abito di tutti i giorni, quello di chi opera “al servizio”, quello di chi ha compreso che ciò che abbiamo ricevuto chiede di essere condiviso, quello di chi guarda lontano e sa che occorre servire, quello di chi torna a operare con umiltà … per fare “nuove” tutte le cose.

La liturgia, in questa domenica, nel mostrarci che cosa succede “dopo” la resurrezione di Gesù, annota l’assenza iniziale di Tommaso, che é diventato il prototipo di chi dubita e vuole le prove … Il problema non é “dubitare” ma “cambiare”, tirare le conseguenze: perché se Gesù é risorto tutto cambia … ed occorre testimoniare con la propria vita da che parte stiamo.

Credere, infatti, é mettersi in cammino, sporcarsi le mani, essere partecipi della vita del mondo … e non stare a guardare (o attendere le prove) come fà Tommaso: per questo serve un “grembiule”, per custodire l’abito della festa, per proteggerci e per asciugarsi le mani, per non stare con le mani in mano … e preparare l’incontro col Redentore.

Senza dimenticare che Gesù, per primo, ha indossato il “grembiule” ed ha lavato i piedi ai suoi discepoli … Ora tocca a noi: “Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi”. Buona Pasqua!

Domenica Domenica “in albis depositis” – IIª di Pasqua – 26/27 aprile 
1.a lettura Atti degli apostoli 4, 8-24a: Noi non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato.
2.a lettura Colossesi 2, 8-15: Fate attenzione che nessuno faccia di voi sua preda con la filosofia e con vuoti raggiri ispirati alla tradizione umana, secondo gli elementi del mondo e non secondo Cristo.
Vangelo Giovanni 20, 19-31: “Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi”.