Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Il bene fa bene

In questi giorni sono andato in alcune ditte per una esperienza nata due anni fa: offrire un momento di preghiera e di benedizione sul posto di lavoro. Mi sembra che abbia meno senso passare per il Natale, senza preavviso e comparire improvvisamente con acqua santa e immaginette. Non si è più parroci che conoscevano bene le ditte del paese, le maestranze e l’imprenditore, vuoi perchè si cambia più velocemente la parrocchia, vuoi perchè le ditte stesse sono cambiate.Si entra allora nelle aziende chiedendo, in punta di piedi, e rispettando i tempi e gli impegni lavorativi. Passo allora, previa disponibilità della ditta e in orario concordato, portando un foglio con una parola di Dio, un racconto simpatico, delle invocazioni e il ricordo di chi sta nella sofferenza per la perdita del lavoro o per le morti bianche. Porto del pane e chiedo un oggetto del loro lavoro, collocando tutto su un panno quasi fosse “un altare”. Sono pochi minuti ma intensi, c’è attenzione anche in chi non crede o è di altra religione. Si dialoga infine e si esce senza … busta!

Ed è proprio parlando della situazione economica che emerge un po’ di rabbia per la stranezza del popolo italiano, la sua furbizia, la sua burocrazia, l’essere arrivati a pagare il conto di tanti egoismi e di tanti errori del passato. Sento di essere in sintonia con quei ragionamenti che portano a dire: “Certo che essere onesti sarebbe vantaggioso per tutti; ci sarebbe da guadagnare se ci fosse più etica, più serietà nel vivere il proprio lavoro di operario, di impiegato o di imprenditore, se si riuscisse a partecipare all’andamento della detta senza misurare, per esempio, i minuti se un lavoro deve essere consegnato in tempo, se si superasse l’antica contrapposizioni tra maestranze e dirigenti; converrebbe a tutti creare squadra (diversi tornano su questa parola!) sottolineando che il particolare di ognuno si salva se si rema e si naviga insieme”.

Essere seri, moralmente affidabili, creare fiducia tra le persone, avere la certezza della pena, essere precisi nei pagamenti, non sono allora teoriche parole “religiose” che si dicono genericamente in predica e che rischiano di non avere senso. Sono parola antiche ma necessarie e buone ancora oggi, indicazioni che … farebbero reddito, che darebbero un benessere condiviso, che creerebbero lavoro.

Pur vivendo lontano dal posto di lavoro, fa bene sentirsi sostenuti nel medesimo impegno di rendere il proprio paese migliore per noi e per quelli che verranno. Allora la vita e le parole del falegname di Nazaret non soni poi così campate per aria.

don Norberto

Tagged under: