Loading…

Oratorio Estivo 2019

dal 12 giugno al 12 luglio

Volantino

Gita pellegrinaggio a Chiampo e Schio

giovedì 25 aprile 2019

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Parlare in altre lingue (Pentecoste)

Vi sono cose che sono in grado di abbattere la separazione, la paura, la diffidenza, la distanza e farci incontrare, nell’altro, un fratello: un uomo con le stesse attese, le stesse speranze, il desiderio di amare e di essere amato. Quando questo avviene é “Pasqua”, é “Pentecoste”.

L’esperienza della fede nasce da qui, dall’incontro di Dio con la realtà dell’uomo, dalla passione di Dio per tutta l’umanità, perché sia a sua “immagine e somiglianza”. Se a Babele la lotta per il potere si manifesta nella confusione delle lingue, a Pentecoste la comunione si rivela nella comunicazione che va al di la della lingua.

Così Pentecoste é festa, festa delle genti, festa dell’incontro perché la comunione con Dio é superiore a tutte le nostre differenze e ci chiama “oltre”; a riconoscere la signoria di Dio e a ricercare ciò che ci unisce, lasciandoci alle spalle tutto ciò che é fonte di divisione.

A noi sono così affidati i doni dello Spirito, perché ne facciamo buon uso: consiglio, sapienza, fortezza, intelletto, pietà, timor di Dio (che non é “paura”!) e scienza! Sono doni che ci chiedono di essere “uomini veri”, attenti a Dio e agli uomini, capaci di “parlare in altre lingue”, capaci di fare unità, di fare comunione … perché tutto il mondo sia “a immagine del Figlio”, che ha dato la sua vita per la salvezza (=salute) dell’uomo.

Buona Pasqua, ancora una volta! e buona Pentecoste! Il regno di Dio si é fatto a noi vicino. Alleluia.

Domenica Domenica di Pentecoste – 7/8 giugno 
1.a lettura Atti degli apostoli 2, 1-11: Tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue.
2.a lettura 1ª Corinzi 12, 1-11: A ciascuno é data una manifestazione particolare dello Spirito per il bene comune.
Vangelo Giovanni 14, 15-20: “Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paraclito perché rimanga con voi per sempre”.