Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Coscienza dei contrari (4ª dopo Pentecoste)

Per accogliere e riconoscere il “disegno” di Dio sull’uomo occorre prendere coscienza dei contrari: vi sono cose che non sono conciliabili e si oppongono! Per questo ogni scelta, ogni comportamento, ogni decisione rivelano “da che parte stiamo”.

Secondo le Scritture e la Tradizione della Chiesa il “peccato” non é la semplice conseguenza di una tentazione, di fronte alla quale siamo stati deboli: é, invece, una “scelta di campo” “consapevole” che precede e poi determina quello che facciamo! Per questo occorre imparare a riconoscere ciò che “é contrario” al desiderio di Dio: non tutto infatti é lecito e non tutto é giusto!

La franchezza delle Scritture contrasta decisamente con il tentativo umano di far vedere che tutti cercano il bene, che nessuno vuole il male dell’altro, che tutti si spendono per gli altri e fanno le cose “a fin di bene”: occorre prendere coscienza che questo non é vero e che nelle piccole e nelle grandi cose il Signore ci invita ad essere “come Lui”.

La “corruzione” e la “violenza” (riportati dal brano della Genesi) non ci parlano solo del passato ma anche dell’oggi; della distanza fra l’agire secondo la “carne” (che fa uso della “furbizia” e della “forza”, per “salvare la propria vita”) e dell’agire secondo lo “spirito” (che “perde”, ed é “amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, …”).

Una Parola, quella di oggi, da prendere seriamente in esame, per imparare a riconoscere il sentiero su cui il Signore ci invita e “lasciare” la strada della “carne” (che tanto ci attrae e riteniamo “vincente”).

Domenica 4ª domenica dopo Pentecoste – 5/6 luglio 
1.a lettura Genesi 6, 1-22: Ma la terra era corrotta davanti a Dio e piena di violenza. Dio guardò la terra ed ecco, essa era corrotta, perché ogni uomo aveva pervertito la sua condotta sulla terra.
2.a lettura Gàlati 5, 16-25: Camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare il desiderio della carne. La carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne: queste cose si oppongono a vicenda.
Vangelo Luca 17, 26-30 e 33: Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà: ma chi la perderà, la manterrà viva.