Loading…

Festa della famiglia nella settimana dell'Educazione

Dal 26 gennaio al 17 febbraio 2019

Programma

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Ricomincianti

E se fosse arrivato il momento per rivedere o mettere in ordine una fede nascosta o ferma ?? - DAL 10 GENNAIO 2019

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Partire (5ª dopo Pentecoste)

La “coscienza dei contrari” comporta, ad un certo punto, la necessità di partire, di lasciare le proprie convinzioni e le proprie sicurezze: se é vero che il “disegno” di Dio é “buono”, occorre comportarsi di conseguenza.

La figura di Abramo, che ci viene posta davanti oggi, non ci parla solo della sua relazione con Dio, ma ci mostra come da questa relazione nasca un cammino, che inizia lasciando il passato, perché la nuova relazione é più forte, e più grande, di quella con la “terra” e la “parentela”.

Il discorso é talmente serio (ce lo ricordano la lettera agli Ebrei e il vangelo di Luca) da invitarci a riflettere sulla necessità del “partire” e del “lasciare”; perché chi non parte e chi non lascia … non ha capito la “novità” di Dio.

La novità di un Dio che guarda sempre avanti, che ci invita a superare ogni confine, a stabilire relazioni che vanno oltre la “terra” e la “parentela”: “partire” e “lasciare” non significa “rompere” … ma “distaccarsi” (da loro) … e “riconoscere” che siamo chiamati “oltre”, a dare spazio alla relazione con l’Altro, a quel Dio che ci ha scelti per essere “a sua immagine”!

Domenica 5ª domenica dopo Pentecoste – 12/13 luglio 
1.a lettura Genesi 11, 31 e 32b – 12, 5b: Il Signore disse ad Abram: “Vattene dalla tua terra, dalla tua parentela e dalla casa di tuo padre, verso la terra che io ti indicherò”.
2.a lettura Ebrei 11, 1-2 e 8-10b: Per fede, Abramo, chiamato da Dio, obbedì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità, e partì senza sapere dove andava.
Vangelo Luca 9, 57-62: “Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro é adatto per il regno di Dio”.