Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

Festa di Tutti i Santi e Commemorazione dei Fedeli defunti

Orari e programma delle celebrazioni e delle funzioni

Programma

Calendario mensile

Calendario delle proposte del mese di ottobre 2018

Vai al calendario

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Una relazione "concreta" (6ª dopo Pentecoste)

La Scrittura, nella sua concretezza, ci ricorda che la relazione dell’uomo con Dio non é “spirituale” (come taluni credono), ma “concreta”, quasi “fisica”. Le pagine che ci vengono proposte dalla liturgia di questa domenica sono esemplari.

Ad una società che attribuisce valore solo a ciò che si “vede” (già ieri, come oggi) si oppone l’agire di chi “sente” e “fa” in relazione con Dio; perché la “relazione” (non solo quella con Dio) é fatta di cose “concrete” e di un “sentire” che va oltre il “vedere”.

Non a caso da questa “relazione” nasce una “alleanza”, un patto “bilaterale”! Perché ogni storia, ogni “relazione”, dopo l’incontro e la conoscenza chiedono di farsi “cammino”, impegno reciproco, patto, “alleanza”! Non ci sfugga il legame con la concretezza di un Dio che si fa “uomo” e “viene ad abitare in mezzo a noi”.

Occorre recuperare, anche ai nostri giorni, la concretezza del rapporto che ci lega al Signore e chiede di farsi “storia”, “cammino”: nei segni concreti dell’aiuto reciproco, nel riconoscimento delle diverse capacità (2a lettura), nell’adesione alla logica del “dono di sé” (vangelo).

La Parola si fa così invito a “vivere” concretamente la “relazione” con Dio e con gli uomini (non solo con i fratelli!): perché ogni “alleanza” da frutti che si vedono!

Domenica 6ª domenica dopo Pentecoste – 19/20 luglio 
1.a lettura Esodo 33, 18 – 34, 10: “Ecco, io stabilisco un’alleanza: in presenza di tutto il tuo popolo io farò meraviglie, quali non furono mai compiute in nessuna terra e in nessuna nazione”.
2.a lettura 1ª Corinzi 3, 5-11: Chi pianta e chi irriga sono una medesima cosa: ciascuno riceverà la propria ricompensa secondo il proprio lavoro. Siamo infatti collaboratori di Dio, e voi siete campo di Dio, edificio di Dio.
Vangelo Luca 6, 20-31: Da’ a chiunque ti chiede, e a chi prende le cose tue, non chiederle indietro. E come volete che gli uomini facciano a voi, così anche voi fate a loro.