Loading…

LA “FEDE” DI GESU’: GESU’ AVEVA LA FEDE, ERA UN CREDENTE COME NOI?

Incontro con don Luca Castiglioni - Domenica 24 febbraio ore 16.00 oratorio di Barasso

Info

Liturgia preparata - Tempo dopo Epifania

Ciclo di sei incontri a partire da martedì 29 gennaio alle ore 21.00

Info qui

... sulla Tua parola - dal 7 febbraio

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Filo d'ora, punto croce

SPIRITO DELLE COSE
Sembra che danziamo, avanti e indietro, su e giù al ritmo del tempo e, punto dopo punto, lasciamo dietro di noi i segni del nostro passaggio. Uniti, insieme, solo insieme, sappiamo trasformare una semplice trama bianca in un bellissimo ricamo: immagini, parole, la Parola….. così trasmettiamo emozioni. Un ago e un filo e, una mano che li conduce  ma, insieme, solo insieme è possibile creare. E, allora … Il filo d’oro nelle mani di Dio che tesse il disegno della nostra vita lungo tutto il nostro cammino, sin dall’inizio, una trama che solo Lui conosce: è il filo che non si può spezzare e, stretto nelle Sue mani, tesserà la coperta che ci avvolgerà nel suo tiepido abbraccio.

Il Signore ha un’immagine speciale per ognuno di noi e, se la nostra coperta è strappata, ci fa il dono del ricamo a due mani: perché sarà un uomo di Dio a raccogliere il filo rotto per ricondurlo a Lui, solo così si compirà la Sua opera.

In fondo ad ogni cassetto, nel buio, si può nascondere una “coperta” che aspetta che Qualcuno la rammendi, che si prenda cura di lei perché, anche se il suo ricamo è pieno di nodi, ha comunque un cuore. Cosa ne sarà, allora, di quella coperta ?! Forse, tornerà sola in quel  cassetto, con i suoi vecchi strappi rammendati e i nodi sciolti, sarà felice di essere ricamata da Lui ma triste nel vedere il suo disegno “svanire”.

Signore, tu mi scruti e mi conosci, tu conosci quando mi siedo e quando mi alzo,
intendi da lontano i miei pensieri, osservi il mio cammino e il mio riposo,
ti sono note tutte le mie vie.
Sei tu che hai formato i miei reni
e mi hai tessuto nel grembo di mia madre  (Salmo 138)

 Alessandra