Loading…

... sulla Tua parola - dal 7 febbraio

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

"La Santità in Zelia e Luigi Martin": se parlassero oggi alle coppie?

Domenica 17 febbraio chiesa santa Teresa (Bustecche) ore 15.00

Locandina

LA “FEDE” DI GESU’: GESU’ AVEVA LA FEDE, ERA UN CREDENTE COME NOI?

Incontro con don Luca Castiglioni - Domenica 24 febbraio ore 16.00 oratorio di Barasso

Info

Liturgia preparata - Tempo dopo Epifania

Ciclo di sei incontri a partire da martedì 29 gennaio alle ore 21.00

Info qui

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Quando il tempo cambia

Ci sono momenti in cui il tempo perde la sua durata. Si parla di una cosa lunga, un incontro lungo, di una predica lunga. Quando si fanno esperienze belle e intense si è soliti invece dire: “E’ già finito, il tempo è volato!”.  La scorsa domenica mi ero preparato all’incontro predisposto per coloro che danno una mano nelle parrocchie. Davanti ad impegni di questo tipo mi agito, mi preoccupo un po’ per l’argomento che voglio comunicare. Nonostante gli anni “di sevizio” non si è ancora tranquilli! Scrivo su fogli a quadretti, alcuni dei quali vengono eliminati perchè sbagliati, riporto delle ulteriori correzioni e spesso va a finire che non seguo …  le parole scritte.

C’è sempre l’agitazione perché non sai quanti aderiranno all’iniziativa, quanti saranno presenti per interesse o per un senso di dovere. Diverso è quando proponi la predica in una messa perché conosci l’uditorio, la gente è lì per quello e sai che il tuo spazio è ridotto (non puoi fare le prediche lunghe!). Non essendo una normale predica posso, ma anche devo, dilungarmi di più; devo proporre una riflessione che abbia un filo conduttore; devo predisporre collegamenti con altri pensieri; devo fare qualche esempio; devo soprattutto … “non far dormine” in un pomeriggio della domenica.

Sta di fatto che, mentre le 65 persone riempivano la chiesa per vivere qualche ore insieme, un po’ di apprensione c’è stata. Con tutte queste preoccupazioni ho così iniziato a parlare ma, mentre parlavo anche con animosità perché senza il microfono, avvertivo che pian piano il discorso girava, i pensieri uscivano. La sosta per leggere altre mie considerazioni, ha permesso di allagare il discorso. Dopo un break per due chiacchiere e per il caffè, la condivisione è avvenuta nella forma della preghiera spontanea e libera, che ha portato via quasi una mezz’ora.

Al di la di ciò che sono riuscito a comunicare, al di là delle considerazioni di ognuno, ho avvertito l’intensità di un momento che è durato … due ore in tutto. Ma, come se il tempo vissuto insieme fosse molto di più di quello indicato dall’orologio. Ancora una volta si percepisce che in momenti analoghi o in una liturgia, quando si entra nel tempo di Dio, quando si lascia agire lo Spirito Santo, cambia il concetto di tempo: non più tempo breve o lungo, ma tempo pieno!

don Norberto

Tagged under: