Loading…

Avvento 2019

Proposte per l'Avvento 2019

Programma

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone

Giornata di spiritualità in Avvento

Sabato 23 novembre 2019

Info
  • 0
  • 1
  • 2

Lo spirito delle cose

SALVAGENTE SPECIALE
Ci è stato attribuito il nome di salvagente proprio perché dovremmo salvare, tenere a galla chi sta per affondare o riportare a riva chi non sa proprio nuotare da solo. Con il nostro sostegno evitiamo che si tocchi il fondo, anche quando il mare è in tempesta: siamo la scialuppa di salvataggio per chi si perde tra le onde. Ma, il nostro aiuto si ferma qui, perché noi non possiamo tenere a galla nessuno nel tempestoso “mare della vita”: solo il Figlio di Dio potrà salvarci, è Lui l’unica nostra vera àncora.
“Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: “Maestro, non t’importa che siamo perduti?”. Si destò, minacciò il vento e disse al mare:” Taci, calmati!”. Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: “Perché avete paura ? Non avete ancora fede?”.

Ci sono dei momenti nella vita in cui sentiamo di non avere più le forze per “remare”, per andare avanti; è come se ci lasciassimo trascinare dalla corrente per la troppa stanchezza, arrendendoci,  ed è proprio in quei momenti  che avvertiamo (in)spiegabilmente di non avere paura, di non sentirci “perduti”. Avere fede  è sentire che sulla nostra piccola barca è seduto accanto a noi il Maestro e, quando ci sorprenderà la tempesta, saremo al sicuro perché  con Lui “passeremo all’altra riva”. In ogni istante della nostra vita il buon Dio ci lancia un “salvagente”.

Quando lo afferreremo vivranno in noi le parole del salmista: “Il Signore è mia luce e mia salvezza: di chi avrò timore ? Il Signore è difesa della mia vita: di chi avrò paura?”.

Alessandra