Loading…

Avvento 2018

Proposte per l'Avvento 2018

Programma

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Comprendere e fare (Seconda di Avvento)

Siamo talmente abituati a convivere con benefici e privilegi, ereditati senza nessun merito, che rischiamo di non comprendere la novità di un Dio che li respinge … e che ci chiede di percorrere un altra via.

La via in cui non contano i padri, le posizioni acquisite, i favori … ma quella in cui ognuno risponde, a Dio e agli altri, di ciò che ha compreso e che, consapevolmente, decide di fare, per testimoniare al mondo ciò che cambia dopo l’incontro con Cristo.

Si, il Signore è il nostro consolatore e chi lo incontra e lo conosce è invitato a cambiare, a fare di Dio il “metro” della nostra vita e a non mettere il proprio “io” al centro del mondo.

Ci sia quindi di esempio l’insegnamento di Giovanni, che sceglie di andare nel “deserto” per chiamare tutti al cambiament, come quello di Paolo, che comprende di essere chiamato ad far conoscere il Signore, attraverso la vicenda di Gesù, a tutti quelli che non lo conoscono … perchè abbiano la possibilità di cambiare.

La strada è aperta a tutti; nessuno, in essa, ha più diritto del fratello … perchè non conta il quanto, ma il “fare”. Buon cammino.

Domenica I figli del regno – Seconda domenica di Avvento – 22/23 novembre 
1.a lettura Isaia 51, 7-12b: Ritorneranno i riscattati dal Signore e verranno in Sion con esultanza; felicità perenne sarà sul loro capo, giubilo e felicità li seguiranno, svaniranno afflizioni e sospiri. Io, io sono il vostro consolatore.
2.a lettura Romani 15, 15-21: Così da Gerusalemme e in tutte le direzioni fino all’Illiria, ho portato a termine la predicazione del vangelo di Cristo.
Vangelo Matteo 3, 1-12: Fate dunque un frutto degno del cambiamento e non crediate di poter dire, dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”.