Loading…

Rosario di Maggio

Terza settimana Casciago - ore 20.45

Programma

Pellegrinaggio La Salette e Laus

17 e 18 giugno 2019 - iscrizioni in segreteria entro il 25 maggio

Programma

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Ultimi 4 appuntamenti, dal 2 maggio. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Oratorio Estivo 2019

dal 12 giugno al 12 luglio

Volantino

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

La luce di chi torna a casa

Mentre esco dalla messa delle 9 per andare a celebrare a Morosolo, noto con più attenzione le persone  che ritornano a casa dopo aver partecipato al rito della domenica. Camminano per la strada andando chi in via Garibaldi, chi in via Mazzini. Mi viene da pensare che pochi minuti prima stavano insieme a me nella chiesa ed ora portano a casa quel Signore che hanno ascoltato o che hanno mangiato nella comunione. E’ stato un breve momento che ha riattivato l’ispirazione un po’ rallentata e che impediva di alimentare la rubrica de “le puntine”. Una amica mi ha ricordato che forse era necessario il silenzio per accorgersi delle cose che capitano. Forse aveva ragione! Qualche preoccupazione in più, qualche pensiero in più per essere sempre all’altezza degli impegni, ha prodotto un po’ di stagnazione, la povertà di quel silenzio che permette di vedere. E così mi sono accorto di queste persone dirette a casa, come se il Signore avesse bisogno di loro per calcare l’asfalto, per comunicare qualcosa di bello a quelli rimasti a casa o che si incontreranno. Chissà se la potenza di Dio ha poi illuminato una casa o una situazione! E’ curioso notare la potenza di ciò che avviene in una liturgia domenicale e vedere come tale ricchezza viene inviata in modo capillare tra strade e vie, quasi a scaldare o illuminare un angolo piccolo di mondo. Se poi moltiplichiamo questo movimenti in uscita per le varie parrocchie dove si celebra una Eucarestia, si rimane a bocca aperta considerando il flusso divino che scende come lava incandescente in questo mondo. Magari non si è del tutto convinti di ciò che avviene quando si esce di chiesa ma, pazienza: eppure di energia divina stiamo parlando!

Queste parole erano pronte per essere pubblicata come nuova “puntina”, dopo un po’ di mancanza. Un fatto triste e doloroso però, pieno di ferite, di morte, di male, ha sconvolto tanti di noi fermando queste righe. C’è l’obbligo del silenzio che partecipa, la sospensione delle parole, il desiderio di pregare per coloro che vivono notti piene di buio. Penso ancora di più a quanta energia divina deve passare tra le case e le strade  mentre il male cercherà di impedire questo movimento volendo, in tutti i modi, seminare distruzione e lacerazioni. Possano la mani insanguinate di Gesù messo in croce giungere in quella casa dove ognuno vorrebbe arrivare.

don Norberto