Loading…

Rosario di Maggio

Recita del S. Rosario - ore 20.45

Terza settimana Morosolo

CHIUSURA MESE DI MAGGIO

CAMMINO serale AL SACRO MONTE con i “giovani” - venerdì 25 maggio

Programma

Festa del Corpus Domini 2018

30 e 31 maggio 2018

Programma

Pellegrinaggio Sotto il Monte e Madonna del Bosco

Presenza delle reliquie di San Giovanni XXIII (Papa Giovanni) nel suo paese natale - 6 giugno 2018

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Lo spirito delle cose

AGENDA E PAGINE BIANCHE
Quando un anno finisce si archivia o si butta la vecchia agenda per iniziare quella nuova:  centinaia di pagine bianche che attendono di essere riempite di nuovi appuntamenti, incontri, cose da fare e soprattutto da ricordare.Alla fine di un anno, sfogliando quelle pagine è come se avessimo una lettura di un frammento di vita appena passata, si vede cosa abbiamo realmente fatto del nostro tempo: sembra quasi che fare equivalga ad esistere, soprattutto se altri lo vedono. Vivere il nostro tempo in Dio è ritrovarsi tra le mani una agenda bianca, senza nessun “ordine del giorno” da seguire, nulla di tangibile ad occhio umano perché sono tante pagine pulite, scritte con l’inchiostro simpatico, tenute insieme da una copertina divina.

“Hai fatto la luna per segnare i tempi e il sole che sa l’ora del tramonto”

Allora, dare una priorità al nostro tempo sarà iniziare la nostra nuova agenda avendo tra le mani non pagine da “riempire” ma pagine di vita, della nostra vita, da scrivere con Lui: ci occuperemo ugualmente del quotidiano ma in modo diverso e la nostra “agenda” non sarà “vuota” ma libera!

“Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non seminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro ? E chi di voi, per quanto si preoccupi può allungare anche di poco la propria vita ? E per il vestito, perché vi preoccupate ?Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano.

Ora, se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani si getta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede ? Non preoccupatevi dunque dicendo: “Che cosa mangeremo ? Che cosa berremo ? Che cosa indosseremo ?”. Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno. Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena.

Cerchiamo il regno di Dio e troveremo tutto, Tutto!!

Alessandra