Loading…

Quaresima 2018

Clicca sul pulsante per scaricare il pieghevole con le indicazioni per la Quaresima.

Foglio Quaresima

Esercizi spirituali nella vita corrente

dal 26 febbraio al 2 marzo 2018 - ore 15.30 Morosolo - ore 20.45 Barasso

Info

VERSO IL SINODO DEI GIOVANI

Terra Santa - 18/19enni e giovani - 3-10 agosto 2018

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3

Chi è cieco? (domenica del cieco)

Non sempre è facile “vedere” e comprendere il senso delle cose, avere uno sguardo vero e concreto, su Dio e sull’uomo. Così, nella domenica “del cieco”, anche noi siamo invitai a riflettere su ciò che vediamo.

Ognuno di noi, infatti, si è fatto una idea dell’uomo e di Dio: ma non sempre quella immagine corrisponde alla realtà … Diventa quindi utile e ci aiuta a fare chiarezza il comportamento di Gesù, che non ragiona come i discepoli e come la folla … ma come il “cieco”, che “vede” l’amore di Dio per l’uomo!

La fede nel “figlio dell’uomo” si fa così invito a leggere la realtà con occhi nuovi: perchè il Signore ci vuole “santi” (come Lui), fatti a sua immagine e somiglianza, capaci di entrare a “consultarlo” sotto la tenda e di parlare con lui “faccia a faccia”.

Si, la nostra immagine di Dio ha bisogno di essere rivista e corretta mettendola a confronto con quella che ci rivelato e svelato Gesù Cristo: è lui la via, la luce, il volto concreto a cui fare riferimeno.

Così il “cieco” ci invita a “vedere” e a fare chiarezza intorno a noi e a cogliere la novità della relazione “diretta” con Dio in cui siamo stati introdotti con il Battesimo. Si, il Signore ha fatto di noi dei “figli”, nel Figlio!

Domenica Domenica del cieco, quarta di Quaresima – 14/15 marzo
1.a lettura Esodo 33, 7-11a: A questa tenda del convegno, posta fuori dell’accampamento, si recava chiunque volesse consultare il Signore.
2.a lettura 1ª Tessalonicesi 4, 1b-12: Questa infatti è la volontà di Dio: la vostra santificazione.
Vangelo Giovanni 9, 1-38b: I suoi discepoli lo interrogarono: “Rabbi, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perchè sia nato cieco?”.