Loading…

Pellegrinaggio Sotto il Monte e Madonna del Bosco

Presenza delle reliquie di San Giovanni XXIII (Papa Giovanni) nel suo paese natale - 6 giugno 2018

Programma

QUATTRO MARTEDI' nel tempo di pasqua

PRIMO INCONTRO -Martedì 10 aprile 2018 ore 21.00 - Guida don Giuseppe -Oratorio di Luvinate

Info

Pellegrinaggio a Lourdes con i malati UNITALSI

IN PULMAN 23 - 29 maggio 2018 / IN AEREO 24 - 28 maggio 2018

Info

VERSO IL SINODO DEI GIOVANI

Terra Santa - 18/19enni e giovani - 3-10 agosto 2018

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

La Pasqua e i “segni” (Pasqua, nella risurrezione del Signore Gesù)

Mentre il “segno” natalizio del presepe veicola facilmente a tutti la “notizia” di Dio che si fa “uomo” e viene ad abitare in mezzo a noi, raramente cogliamo nel “segno” dell’uovo (e del pulcino che sta al suo interno) il segno della “resurrezione”, del “passaggio” (=Pasqua) … della “vita”.

Il “segno” della Pasqua, come quello dell’uovo, ha bisogno che il nostro sguardo si faccia bambino, per comprendere che la “vita” è fuori da noi, che occorre “rompere il guscio”, liberarci dalla sua prigionia, per “vedere la luce” e “crescere” …

Occorrono occhi “nuovi”, per non rimanere prigionieri della “morte” ed accogliere la logica di Dio, che “da la vita” per parteciparla e condiderla con tutti.

Sì, abbiamo bisogno della Pasqua, per aprirci al nuovo, per fare posto a “ciò che conta”: all’incontro con l’altro, al rispetto reciproco, alla comunione, a Dio … perché la vita non sia solo economia, denaro, sfruttamento, potere, sopraffazione, violenza, di cui conosciamo i “frutti” e da cui il Signore Gesù ci ha insegnato a stare lontani!

Sì, abbiamo bisogno della Pasqua, per imparare dal pulcino (e da Gesù) che occorre fare la nostra parte per cambiare la situazione … ci dovremo impegnare di più (respirare, nutrirci, camminare, …) ma potremo incrociare direttamente la luce del sole ed incontrare gli altri.

Per questo la Pasqua (e non il natale) è il punto di partenza (e di ri-partenza) di ogni credente: perché la strada percorsa da Gesù è quella “vera”, quella “giusta” … anche quando ce ne discostiamo, anche quando non ci convince, anche quando ci sembra perdente … eppure ci attrae: ri-proviamoci … come il pulcino, su cui il Signore veglia.
Buona Pasqua.

Domenica 1ª domenica di Pasqua, nella risurrezione del Signore Gesù
1.a lettura Atti degli apostoli 1, 1 – 8a: Giovanni battezzò con acqua, voi invece, tra non molti giorni, sarete battezzati in Spirito Santo.
2.a lettura 1ª Corinzi 15, 3 – 10: Per grazia di Dio, però, sono quello che sono, e la sua grazia in me non è stata vana.
Vangelo Giovanni 20, 11 – 18: Maria di Màgdala andò ad annunciare ai discepoli: “Ho visto il Signore!”.