Loading…

Rosario di Maggio

Recita del S. Rosario - ore 20.45

Terza settimana Morosolo

CHIUSURA MESE DI MAGGIO

CAMMINO serale AL SACRO MONTE con i “giovani” - venerdì 25 maggio

Programma

Festa del Corpus Domini 2018

30 e 31 maggio 2018

Programma

Pellegrinaggio Sotto il Monte e Madonna del Bosco

Presenza delle reliquie di San Giovanni XXIII (Papa Giovanni) nel suo paese natale - 6 giugno 2018

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

“Parole” di vita (5ª di Pasqua)

Sfugge spesso, ai credenti, il profondo legame che ci lega al Signore Gesù, al punto da ritenere le sue parole un “modo di dire” o un “immagine” figurata.

Così “essere una cosa sola” o rivolgerci a Dio col nome di “padre” ci sembrano impossibili e comunque lontani; sarà anche per questo che gli preferiamo intermediari e mediatori? Eppure questo tempo di Pasqua ci é dato in dono proprio per imaparare a riconoscere e fare nostre queste “parole”!

E’ da questo profondo legame fra Gesù e i credenti che scaturisce la testimonianza, dei discepoli, di Stefano, di Paolo … e di ognuno di noi, in ogni luogo e in ogni situazione! Perché dalla “relazione” con Lui nasce un modo “nuovo” di leggere la realtà, di interpretare i medesimi fatti dell’esistenza.

Così quella che viene vista come una sventura può diventare una occasione; un imprevisto può trasformarsi in un messaggio; una tradizione “da mantenere” in un segno da cambiare; la fine di una prospettiva nell’apertura di un nuovo scenario … (proviamo a rileggere tutto il discorso di Stefano, al capitolo 7 degli Atti).

Occorre fare nostre le “parole” di Gesù, che “alzati gli occhi al cielo”, é capace di vedere una “realtà nuova” per “i suoi”; fatta di un “potere” che non é secondo la logica del mondo … E probabilmente é questo il nostro problema: rinunciare a questa logica, alla logica del potere, del prevalere degli uni sugli altri (e non della “condivisione”) che non é scritta nemmeno nella nostra “costituzione” … ma in cui tutti, ahimé, ci riconosciamo.

Anche per questo abbiamo bisogno, ed invochiamo, il dono dello Spirito!
Buona Pasqua.

Domenica 5ª domenica di Pasqua – 2/3 maggio
1.a lettura Atti degli apostoli 7, 2-8 11-12a 17 20-22 30-34 36-42a 44-48a 51-54: Quali dei profeti i vostri padri non hanno perseguitato?
2.a lettura 1ª Corinzi 2, 6-12: Così anche i segreti di Dio nessuno li ha mai conosciuti, se non lo Spirito di Dio. Ora, noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Dio per conoscere ciò che Dio ci ha donato.
Vangelo Giovanni 17, 1b-11: “Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi”.