Loading…

La lettera del Vescovo:

a partire dalla lettera dello scorso anno traccia della lettera di quest'anno

Approfondimento

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Lo spirito delle cose

numero numeroNON PIU’ NUMERI
A volte capita di dover aspettare per un periodo più o meno lungo di tempo, in una sala d’attesa, che sia di uno studio medico o di un qualsiasi altro ufficio: dobbiamo rimanere in attesa. Allora è interessante vedere come noi e gli altri con i quali condividiamo la stessa anticamera viviamo il tempo nel suo lento e a volte interminabile trascorrere. Si inganna con un libro o una rivista, messaggiando o telefonando oppure subendo la pioggia di parole che invadono e riempiono l’aria e la nostra testa, magari proprio in un contesto in cui vorremmo semplicemente stare soli, in silenzio, con i nostri pensieri, con Lui. Poi, finalmente, appare il nostro numero, perché in quel momento noi siamo semplicemente un numero tra i tanti, vuol dire che è arrivato il nostro turno, è ora di andare: allora, sarà importante farci trovare pronti, con i documenti o gli esami clinici in mano.

Se riusciamo a vedere la nostra vita come una grande “sala d’attesa” che si apre a ventaglio su un lungo corridoio infinito, senza fine, dove lo sguardo non può andare oltre perché si perde, fino al giorno in cui una voce divina ci chiamerà per nome, allora, sapremo vivere la nostra attesa.

“Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore una per una e le conduce fuori”.

Il Padre chiama i propri figli per nome, per lui non siamo solo numero e, se sapremo farci trovare pronti non ci deluderà, lo so che non ci deluderà, Lui solo non delude mai!

“Il Signore dal seno materno mi ha chiamato, fino al grembo di mia madre ha pronunciato il mio nome”.

Alessandra