Loading…

Rosario di Maggio

Recita del S. Rosario - ore 20.45

Terza settimana Morosolo

CHIUSURA MESE DI MAGGIO

CAMMINO serale AL SACRO MONTE con i “giovani” - venerdì 25 maggio

Programma

Festa del Corpus Domini 2018

30 e 31 maggio 2018

Programma

Pellegrinaggio Sotto il Monte e Madonna del Bosco

Presenza delle reliquie di San Giovanni XXIII (Papa Giovanni) nel suo paese natale - 6 giugno 2018

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2017-2018

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Quando non si usa l'orologio in una messa

puntina1Un momento bello quello vissuto domenica 21 giugno in occasione della prima messa di don Giuseppe a cui è stato collegato il trentacinquesimo del sottoscritto. La Messa delle 11 ha parlato attraverso la presenza di molte persone, le voci del coro  che hanno continuato l’esperienza fatta all’inaugurazione del battistero, i colori delle magliette sui ragazzi e sugli animatori dell’oratorio, il numeroso gruppo dei chierichetti, le parole di don Stefano che, nella forma briosa come lui sa fare, hanno lasciato un bel segno oltre che tanta commozione a chi sta scrivendo questo breve articolo. Si è pregato, ascoltato, fatto silenzio, ringraziato, accolto. Abbiamo vissuto un momento come corpo di Cristo che si riunisce per lodare il Padre dalla mano sempre aperta, perchè continua a elargire grazie su grazie. Solo un accenno per riconoscere che tanti piccoli ingredienti hanno prodotto un vero momento liturgico, dove Dio si è unito all’umano, dove noi veniamo trasformati. Anche la semplicità ha tenuto banco, oltre al fatto di non essersi allargati troppo nei complimenti, nei ringraziamenti ecc. Molti hanno riempito la chiesa prima dell’orario (evento miracoloso!) e nessuno si è lamentato  del tempo passato a celebrare la messa (altrettanto evento miracoloso!), della serie: quando non si usa l’orologio in chiesa.

Simpatico e sentito il momento successivo dove la voglia di salutarsi e di stringere le mani rallentava la fretta di tornare a casa per il pranzo. Hanno contribuito in questo l’allegria degli animatori alle prese con balli e danze.

Infine gli … 11 mistero del rosario recitato la sera dopo da un bel numero di persone, composto da piccoli e grandi, mentre si saliva al Sacro Monte. Una madre da ringraziare dopo averla chiamata durante la messa della festa da una semplice Ave Maria introdotta da don Giuseppe.

Benediciamo Dio per ciò che abbiamo ricevuto, facendo a lui la richiesta di “essere in grado di portare a compimento ciò che in noi ha iniziato”.

Don Norberto