Loading…

Avvento 2018

Proposte per l'Avvento 2018

Programma

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2

Sul semaforo rosso

semaforo_rossoEsistono dei segni o meglio, dei segnali, ben precisi che indicano e delimitano il nostro cammino quando percorriamo una strada che sia a piedi o in auto o con qualsiasi altro mezzo di trasporto. Sono segnali stradali  che accompagnano, linee tracciate sulla strada che delimitano con esattezza il confine da non superare, strisce che ci permettono di passare o i limiti in cui poter sostare. Tra i tanti, credo che il semaforo sia  particolarmente imponente forse perché è luminoso o forse perché con i suoi tre colori, determina dei comportamenti indiscutibili: il verde ci dice di andare avanti, il giallo ci dice che è arrivato il momento per noi di rallentare e il rosso ci impone proprio di fermarci. E’ così, un semplice colore che determina un comportamento e i motivi sono ovvi, se non vogliamo andare a sbattere!

Camminare con e in Dio vuol dire seguire le linee che Lui ha tracciato per ognuno di noi, vuol dire prestare attenzione alla voce dello Spirito e nell’oscurità “vedere” la luce di quel semaforo giallo che ci dice che è arrivato il momento di rallentare e soprattutto sentire dentro di noi quando si accende, sino ad infiammarci, quello rosso.

Quando nel silenzio della chiesa si sente celebrare la messa vi sono alcune parole che, accompagnate da una meravigliosa gestualità delle mani del sacerdote, solo loro, da sole, fanno  paralizzare anche l’aria: è il buon Dio che continua a inviarci il Suo “segnale”.
“… Egli offrendosi liberamente  alla sua passione…”;
“… osiamo dire …”.
Fermarsi ad ascoltare e capire è come essere risvegliati dolcemente dal Padre dopo un brutto incubo: ” … ricordati di me quando entrerai nel tuo regno”-

Alessandra