Loading…

Festa della famiglia nella settimana dell'Educazione

Dal 26 gennaio al 17 febbraio 2019

Programma

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Ricomincianti

E se fosse arrivato il momento per rivedere o mettere in ordine una fede nascosta o ferma ?? - DAL 10 GENNAIO 2019

Info

... sulla Tua parola

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Nelle faccende di chiesa

lenteSi è concluso l’oratorio estivo con una grande festa, semplice, partecipata, allegra, tanto l’impegno dei nostri animatori, grande il ringraziamento a Don Norberto, Don Giuseppe e Suor Emma. L’annuncio finale poi ha sorpreso tutti “Una settimana di oratorio a settembre!” Esultanza di bambini, ragazzi e animatori. Il Card. Scola ha pubblicato un messaggio a fedeli e responsabili delle comunità islamiche a Milano e in Diocesi per la fine del Ramadan: “Come cristiani accompagniamo con la solidarietà della nostra preghiera il vostro sforzo di prolungato digiuno e la vostra spirituale battaglia; una preghiera che deve diventare unisono di cuori che si affidano al Misericordioso. Noi riflettiamo sull’esempio datoci da Gesù che ha voluto stare quaranta giorni nel deserto senza toccare cibo, ha passato notti in preghiera per prepararsi a donare al mondo vita, parola e amore di Dio e a subire l’umiliazione del male. La dignità dell’uomo troppe volte è stata ferita e la vita stroncata a motivo della fede professata. In particolare in Iraq abbiamo sentito il grido di tanti fedeli cristiani perseguitati. Vogliamo essere protagonisti di una rinnovata pagina di storia che giorno per giorno costruisca pace e giustizia per ogni uomo”.

Il Papa in Paraguay ai piedi della Vergine dei Miracoli ha ricordato che quel Santuario custodisce gelosamente la memoria di un popolo che sa che Maria è Madre e che è stata e rimane accanto ai suoi figli. E’ stata e rimane nei nostri ospedali, nelle scuole, nelle case, nel lavoro e nel cammino, sempre con una presenza discreta e silenziosa. Sotto il segno di un rosario, sappiamo che non siamo soli, che lei ci accompagna. Si è riferito in special modo alle donne e madri paraguayane che con gran coraggio hanno saputo rialzare un paese distrutto dalla guerra, spinte e sostenute dalla Vergine, hanno continuato a credere anche sperando contro ogni speranza.

Al ritorno dal suo viaggio il Papa si è pronunciato sulla Grecia perché trovi una strada per risolvere il problema, ha chiarito che la falce e martello con il Cristo sopra è secondo lui una arte di protesta. In questo momento al Papa preoccupa che non si fermi il processo di pace in questi paesi. Parla e si rivolge ai poveri perché sono al cuore del Vangelo, ma non si dimentica della classe media, la gente semplice, la gente comune, è un grande valore.  La chiesa latinoamericana ha una grande ricchezza, è una chiesa giovane, lungo le strade i papà e le mamme facevano vedere i bambini, è una lezione per noi, per l’Europa dove il calo delle nascite spaventa un po’. I popoli giovani ci danno più forza. Il messaggio che il Papa ci lascia è di non avere paura per questa gioventù e questa freschezza della chiesa. Può essere una chiesa un po’ indisciplinata, ma col tempo si disciplinerà e ci darà tanto di buono.

E il mio pensiero va alla festa dell’oratorio di settimana scorsa……

Stefania