Loading…

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2

Dopo un pellegrinaggio

puntina1Nessuna relazione sulla esperienza vissuta dai pellegrini in Polonia anche perchè non interesserebbe molto la cronistoria delle giornate. Solo l’accenno a come gli avvenimenti della storia abbiano avuto un crocevia importante in Polonia. Lì parte il conflitto mondiale nel 1939 ma prima, nel 1931, Dio si rivela a suor Faustina, una suora occupata in cucina, nel giardino e in portineria affidando a lei, per la Chiesa e per il mondo intero, il messaggio della Divina Misericordia, quasi  a ricordare che, capiti quel che capiti, Dio sarà sempre capace di sconfiggere ogni forma di male. I mosaici di padre Marko, del nuovo centro dedicato a san Giovanni Paolo II, danno luminosità e chiarezza a questi pensieri partendo dal peccato dell’origine fino  alla croce e alla discesa agli inferi, elementi che conosciamo grazie al nostro battistero. Così il campo di  Auschwitz e di Birkenau si illuminano di una misericordia seminata da tanti santi nascosti ma anche da figure come Massimiliano Kolbe, Edith Stein (santa Teresa Benedetta della Croce), Etty Hillesum.

In questo crocevia non possiamo dimenticare la Madonna di Jasna Gòra a Czestochowa, che ha avuto un ruolo importante nella lotta contri i vari nemici (invasori, comunismo..) e che ora si offre come aiuto per l’eterna lotta contro il demone. Celebrare poi una eucarestia a 130 metri sotto terra (abbiamo battuto il livello delle grotte del Remeron!), in una significativa miniera di sale, ha avuto un certo impatto.

La storia degli uomini, segnata da sofferenze globali ma anche personali, è invocazione a quell’amore di consolazione e di sostegno che Dio stesso ha effuso in abbondanza grazie alla tragica pasqua di suo figlio. E’ interessante percepire queste emozioni spirituali in prossimità del giubileo della misericordia, occasione non per un turistico tour nella capitale ma opportunità per “lasciarsi guardare da occhi grandi e misericordiosi”.

don Norberto