Loading…

... sulla Tua parola - dal 7 febbraio

Non un corso biblico ma un aiuto per proseguire la ricerca del Maestro attraverso i quattro vangeli. Giovedì ore 21.00 a Casciago Guida gli incontri don Norberto

Programma

"La Santità in Zelia e Luigi Martin": se parlassero oggi alle coppie?

Domenica 17 febbraio chiesa santa Teresa (Bustecche) ore 15.00

Locandina

LA “FEDE” DI GESU’: GESU’ AVEVA LA FEDE, ERA UN CREDENTE COME NOI?

Incontro con don Luca Castiglioni - Domenica 24 febbraio ore 16.00 oratorio di Barasso

Info

Liturgia preparata - Tempo dopo Epifania

Ciclo di sei incontri a partire da martedì 29 gennaio alle ore 21.00

Info qui

Pellegrinaggio a Fatima

in aereo dal 28 aprile al 01 maggio 2019

Info

Calendario annuale

Calendario generale delle proposte dell'anno pastorale 2018-2019

Vai al calendario
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Con Teresa di Lisieux

puntinarossaLETTERA
Avevo chiesto ai partecipanti al ritiro del 7 dicembre, di riprendere in fretta, senza cioè far passare troppo tempo, le parole di santa Teresina commentate da padre Fausto. Lasciamo girare eventuali riflessioni… Ecco la prima.

Ciao don Norberto,
mi propongo di essere diligente ed eseguire, secondo  il tuo consiglio, il compito a casa. Riprendo  in mano i fogli del ritiro e i miei appunti. E’ stata una giornata che ho vissuto gustando il pensiero di S. Teresa, così ben spiegato, man mano che veniva esposto. Sono sorpresa per quanto mi abbia coinvolto fin dalla premessa.

Rileggo che la santa inizia a scrivere in un momento della sua  esperienza che il relatore ha definito:”..lenta maturazione nell’ordinario..”, ella ha bruciato le tappe, l’età certamente non corrisponde, ma  posso dire che un po’ mi ritrovo?

Al punto 5 è spiegata l’intuizione circa il mistero della chiamata “quelli che volle”.

Il libro della natura e la disquisizione sui fiori non può che commuovermi perché da tempo penso che la genziana rappresenti la mia aspirazione: essere colore del cielo sereno, ma soprattutto essere come un contenitore sempre pronto e aperto per accogliere ciò che dall’alto viene donato.

Un ulteriore passaggio non mi ha lasciato indifferente: Il futuro non è più una preoccupazione perché Dio mi accompagnerà sempre. Devo confessarti che ieri ho avuto la percezione di aver chiarito a me stessa alcune importanti vissuti e di essere ritornata a casa con una valigia carica di doni. Grazie di cuore.

Angela