Loading…

Iniziamo... insieme!

Anno oratoriano 2018-2019 - Festa della Comunità dal 27 al 30 settembre 2018

Programma

Proiezione film: Maria Maddalena

Giovedì 27 settembre 2018 ore 21.00 - Oratorio di Casciago

Locandina

PERCORSO FIDANZATI 2018 - 2019

PRIMO INCONTRO SABATO 13 ottobre ore 21.00 Parrocchia di Casciago

Locandina
  • 0
  • 1
  • 2

Nelle faccende di chiesa

lenteLa domenica mattina in famiglia è sempre un po’ di corsa. Ci si alza più tardi, ma le faccende da sbrigare sono sempre tante, dai mestieri al pranzo, prima di partire per andare a Messa. Molte volte entro in Chiesa e affido la mia fatica al Signore e l’ora della messa è quasi sempre una piccola conversione del cuore. ’è sempre una parola o nell’omelia, o nelle preghiere che infonde serenità, che dà un piccolo suggerimento, un consiglio nella vita di ogni giorno.

Anche domenica scorsa la Parola di Dio ha dato spunto a Don Norberto per sottolineare che nella prima uscita pubblica Gesù trasforma l’acqua in vino, trasforma completamente il nostro cuore! Mettere acqua nelle anfore e trasformarla in vino, mettiamo nelle anfore passi di vangelo ogni giorno per trasformare il nostro cuore come l’acqua in vino.

Nel pomeriggio di domenica abbiamo incontrato i genitori e i bambini di seconda elementare che iniziano il loro percorso di catechismo. Tanti volti nuovi, un po’ di timore, tanta curiosità verso il nuovo percorso della Diocesi.

Nella visita pastorale a Trezzo il Cardinal Scola ha ribadito che il cristianesimo non è un progetto, è proposta aperta a tutti e deve essere libera dal risultato. Dobbiamo saper passare da un cristianesimo per convenzione a uno per convinzione. Si deve vivere, come dice San Paolo, Cristo in ogni aspetto della nostra vita e sostenerci: questo è il senso della Comunità cristiana. Un’attitudine che trasforma lentamente la nostra umanità e permette nell’esperienza quotidiana, di comunicare ciò che siamo, al di là di nostri limiti e difetti umani perché il Signore sempre ci perdona.

Papa Francesco in visita alla sinagoga a Roma si rivolge agli ebrei “…voi siete i nostri fratelli e le nostre sorelle maggiori nella fede. Tutti quanti apparteniamo ad un’unica famiglia, la famiglia di Dio, il quale ci accompagna e ci protegge come suo popolo. Insieme, come ebrei e come cattolici, siamo chiamati ad assumerci le nostre responsabilità, apportando il nostro contributo, anzitutto spirituale, e favorendo la risoluzione dei diversi problemi attuali. Mi auguro che crescano sempre più la vicinanza, la reciproca conoscenza e la stima tra le nostre due comunità di fede.

Ogni persona va guardata con benevolenza, come fa Dio, che porge la sua mano misericordiosa a tutti, indipendentemente dalla loro fede e dalla loro provenienza, e che si prende cura di quanti hanno più bisogno di Lui: i poveri, i malati, gli emarginati, gli indifesi. Là dove la vita è in pericolo, siamo chiamati ancora di più a proteggerla. Né la violenza, né la morte, avranno mai l’ultima parola davanti a Dio, che è il Dio dell’amore e della vita. Noi dobbiamo pregarlo con insistenza affinchè ci aiuti a praticare in Europa, in Terra Santa, in Medio Oriente, in Africa e in ogni altra parte del mondo la logica della pace, della riconciliazione, del perdono, della vita…”

Questa settimana durante un messa celebrata a Santa Marta il Papa ci ha detto che “…il cristiano che si nasconde dietro il “si è sempre fatto così”, commette peccato vivendo una vita metà e metà perché chiude il suo cuore alle novità dello Spirito Santo. E’ un invito a liberarsi delle abitudini per lasciare spazio alle sorprese di Dio…”.

All’udienza di questa settimana a Roma il Papa ha fatto riferimento al battesimo “…quando noi cristiani diciamo di condividere un solo Battesimo, affermiamo che tutti noi (cattolici, protestanti, ortodossi), condividiamo l’esperienza di essere chiamati dalle tenebre verso l’incontro con il Dio vivente, pieno di misericordia… Preghiamo affinchè tutti noi discepoli di Cristo troviamo il modo di collaborare insieme per portare la misericordia del Padre in ogni parte della terra…”. E anche il Papa ci fa guardare al nostro bellissimo battistero!!!

Stefania