Loading…

Quaresima 2020

In questo tempo particolare, vogliamo aiutarci a custodire un clima comunitario anche se non ci si può incontrare come comunità. In allegato alcuni spunti per vivere la Quaresima. la pagina sarà aggiornata ogni sabato

Spunti

In cammino con l'amico Gesù

In questi giorni un po’ strani, senza scuola, senza attività sportive, senza la possibilità di trovarsi e stare insieme, i bambini possono vivere la Quaresima e avvicinarsi alla Pasqua attraverso alcune attività e alcune brevi letture

Insieme verso la Pasqua

Consiglio Pastorale e Consiglio Affari Economici

Composizione dei nuovi Consigli per il mandato 2019-2023

Le persone
  • 0
  • 1
  • 2

Il sandalo di Gesù

sandalo0La mattina dopo, mentre rientrava in città, ebbe fame. Vedendo un albero di fichi lungo la strada, gli si avvicinò, ma non vi trovò altro che foglie, e gli disse: “Mai più in eterno nasca un frutto da te!”. E subito il fico seccò. Vedendo ciò, i discepoli rimasero stupiti e dissero: “Come mai l’albero di fichi è seccato in un istante?”. Rispose loro Gesù: “In verità io vi dico: se avrete fede e non dubiterete, non solo potrete fare ciò che ho fatto a quest’albero, ma, anche se direte a questo monte: “Levati e gettati nel mare”, ciò avverrà. E tutto quello che chiederete con fede nella preghiera, lo otterrete” (Mt 21, 18-22).

In quel medesimo giorno, venuta la sera, disse loro: “Passiamo all’altra riva”. E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui. Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: “Maestro, non t’importa che siamo perduti?”. Si destò, minacciò il vento e disse al mare: “Taci, calmati!”. Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: “Perché avete paura? Non avete ancora fede?”. E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: “Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?” (Mc 4, 35-41).
“Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza” (Lc 16, 10-13).
Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome: ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo  (Gv 2, 23-25).
Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi un posto ?”. Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via (Gv 14, 1-4).

“Fede” …

E’ così che parla il Figlio di Dio, è così che risponde, sembra che non sprechi parole ma, che abbia a cuore solamente il desiderio di parlare del Padre e di avere “fede”. Gesù vedendo lo loro fede ….”, “Avvenga per voi secondo la vostra fede”, “Uomo di poca fede perché hai dubitato ?”, “Donna grande è la tua fede ! Avvenga per te come desideri”, “Gente di poca fede”, …

Avere “fede”: Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella Lettera ai Romani Paolo dice: “Io infatti non mi vergogno del vangelo, poiché è potenza di Dio per la salvezza di chiunque creda, del Giudeo prima e poi del Greco. E’ in esso che si rivela la giustizia di Dio di fede in fede, come sta scritto. Il giusto vivrà mediante la fede”

Paolo rieduca a rileggere l’umanità nella quale siamo immersi con l’occhio della fede. E san Pietro, metteva in guardia i cristiani: attenzione, le lettere di Paolo sono belle, ma sono difficili. Ci viene dunque detto: o ci mettiamo davanti a Gesù con la sola fede, o non ci sono opere che ci salvano!

Da una citazione di Edith Stein, Santa Teresa Benedetta della Croce : “Più un’epoca è immersa nella notte del peccato e dell’allontanamento da Dio, più grande è il bisogno di anime unite a Dio, e Dio non le lascia mancare. Dalla notte oscura sorgono le più grandi figure dei profeti e dei santi” e ancora, “L’azione silenziosa dello Spirito Santo nel più intimo dell’anima dei patriarchi, ha fatto di loro degli amici di Dio. Ma quando essi giunsero ad abbandonarsi a Dio come strumenti docili, Egli li impiegò per un’opera esteriore la cui efficacia era fortemente visibile, diresse per la loro intermediazione il corso della storia, e suscitò a partire da essi il suo popolo eletto: Gesù è risorto, ma testimone del Risorto è principalmente Pietro, con pochi altri (Paolo, Maddalena, i primi apostoli); quindi la nostra fede nel Risorto è fondata su quella di Pietro”… ”Su questa pietra edificherò la mia Chiesa”

Figliola, la tua fede ti ha salvata: và in pace …

Alessandra